Torna alla provincia di Massa Carrara

Bagnone

Bagnone (C.A.P. 54021) dista 51 chilometri da Massa-Carrara, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Foto © Wikipedia Città di Bagnone

Bagnone conta 2.022 abitanti (Bagnonesi) e ha una superficie di 73,8 chilometri quadrati per una densità abitativa di 27,40 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 236 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Marconi 1, tel. 0187 - 42781 fax. 0187 - 429210: l'indirizzo di posta elettronica è segreteria@comune.bagnone.ms.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Bagnone ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 2.248 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 2.022 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -10,05%.

Gli abitanti sono distribuiti in 1.005 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,01 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 130 e i 1.861 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 1.731 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 46 attività industriali con 148 addetti pari al 28,41% della forza lavoro occupata, 42 attività di servizio con 71 addetti pari al 13,63% della forza lavoro occupata, altre 59 attività di servizio con 148 addetti pari al 28,41% della forza lavoro occupata e 24 attività amministrative con 154 addetti pari al 29,56% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 521 individui, pari al 25,77% del numero complessivo di abitanti del comune.

Foto © Wikipedia Torrente di Bagnone

Bagnone sorge lungo l'omonimo torrente, nel territorio della Lunigiana.

L'economia locale si basa prevalentemente su produzioni agricole e sull'allevamento di bovini. Bagnone è una località rinomata per la villeggiatura estiva grazie alla bellezza dei suoi luoghi e alla presenza di numerose e qualificate strutture ricettive.

Il nome della località deriva dal latino "balneum", che letteralmente significa "bagno", con probabile riferimento all'attività balneare praticata presso il vicino torrente, o al nome del torrente stesso.

Le prime tracce umane nella zona risalgono alla Preistoria, tuttavia le prime testimonianze certe iniziano nel VI-VII secolo D. C.. In quel periodo sorsero le prime abitazioni lungo il torrente lungo il quale veniva già praticato un fiorente commercio fluviale.

Un documento ufficiale, databile all'inizio del XII secolo, attesta la presenza nella zona di un castello preposto al controllo dei commerci e all'avvistamento dei nemici, sottoposto alla giurisdizione dei Malaspina.

Successivamente il territorio venne suddiviso in tre marchesati, ognuno dei quali venne assegnato ai figli di Nicolò detto il Marchesotto.

Nel corso del XIV secolo il borgo venne dominato dalla famiglia Visconti di Milano la quale si trovava allora in lotta contro la Repubblica di Firenze, della quale intendeva contrastare l'espansione.

Dopo il periodo di dominazione milanese, nel XV secolo Bagnone entrò a far parte definitivamente dei possedimenti della Repubblica di Firenze, trovandosi dapprima sottoposta alla dominazione dei Granduchi de' Medici e successivamente a quella dei Duchi di Lorena.

Foto © Wikipedia Castello Treschietto

Durante il periodo della dominazione fiorentina il borgo di Bagnone visse un periodo di prosperità economica grazie allo sviluppo crescente delle attività commerciali. Risale a questo periodo la costruzione delle principali opere architettoniche che ancora oggi è possibile ammirare a Bagnone.

Alla fine del XVIII secolo il territorio di Bagnone passò temporaneamente alla Repubblica Ligure, rimanendovi fino all'invasione del territorio operata all'inizio del XIX secolo dalle truppe napoleoniche.

Dal 1814 Bagnone fece parte del Ducato di Modena, sotto il governo degli Estensi, fino all'Unità d'Italia che avvenne nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Bagnone citiamo qui la Chiesa di San Niccolò e il Castello, oggi sede del Centro Studi Umanistici "Niccolò V".

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Bagnone segnaliamo la tradizionale "Sagra della Cipolla" che si tiene nel mese di maggio e che offre l'opportunità di gustare le ottime pietanze preparate per l'occasione utilizzando la "cipolla di Treschietto", una pregevole varietà di cipolla tipica della zona.