Torna alla provincia di Pistoia

Ponte Buggianese

Foto Wikipedia
Ponte Buggianese

Ponte Buggianese (C.A.P. 51019) dista 24,3 chilometri da Pistoia, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Ponte Buggianese conta 7.618 abitanti (Pontigiani) e ha una superficie di 29,47 chilometri quadrati per una densità abitativa di 258,50 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 18 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza del Santuario 1, tel. 0572 - 93211 fax. 0572 - 636467: l'indirizzo di posta elettronica è info@comune.ponte-buggianese.pt.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Ponte Buggianese ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 7.274 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 7.618 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 4,73%.

Gli abitanti sono distribuiti in 2.875 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,65 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 14 e i 23 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 9 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 202 attività industriali con 986 addetti pari al 40,95% della forza lavoro occupata, 203 attività di servizio con 469 addetti pari al 19,48% della forza lavoro occupata, altre 177 attività di servizio con 548 addetti pari al 22,76% della forza lavoro occupata e 45 attività amministrative con 405 addetti pari al 16,82% della forza lavoro occupata.

Foto Wikipedia
Ponte Buggianese

Risultano occupati complessivamente 2.408 individui, pari al 31,61% del numero complessivo di abitanti del comune.

Ponte Buggianese sorge sul versante nord-occidentale del palude di Fucecchio.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di frutta, ortaggi e sull'attività di numerose industrie operanti nei settori tessile, calzaturiero e dell'abbigliamento.

Il nome della località deriva probabilmente dal composto di "ponte", con probabile riferimento al passaggio su un vicino corso d'acqua, e di "buggianese", con riferimento alla vicina località di Buggiano che deriva il suo toponimo dal nome proprio di persona latino "Abudius".

Durante il Medioevo il territorio ove sorge l'attuale borgo di Ponte Buggianese si presentava coperto di paludi: l'area si popolò solo dopo il prosciugamento delle acque provenienti dal Palude di Fucecchio.

Il primo documento ufficiale in cui la località viene citata risale al XVI secolo, periodo in cui il borgo iniziò a formarsi.

Alla fondazione Ponte Buggianese si trovò sottoposto alla giurisdizione della vicina località di Buggiano ma già dal secolo successivo la comunità iniziò a rivendicare la propria autonomia e a contrastare l'ascesa dei feudatari locali.

Alla fine del XVIII secolo, con l'avvento al potere dei Duchi di Lorena, il borgo di Ponte Buggianese risollevò le sue sorti economiche.

Il Granduca Pietro Leopoldo di Lorena mise in atto una serie di riforme miranti sia a mutare l'assetto territoriale del borgo che a migliorare le condizioni dei suoi abitanti. Pertanto, oltre a bonificare il territorio di Ponte Buggianese, egli stabilì per editto che ogni famiglia avesse diritto a una casa.

Foto Wikipedia
Ponte Buggianese

La dominazione lorenese fu presto interrotta dall'invasione delle truppe francesi guidate da Napoleone Bonaparte che si rimasero stanziate sul territorio fino al 1814, anno in cui l'occupazione francese si risolse e il borgo di Ponte Buggianese ritornò nelle mani dei Duchi di Lorena.

Il borgo di Ponte Buggianese raggiunse la sua autonomia dopo l'Unità d'Italia, avvenuta nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Ponte Buggianese citiamo qui la Chiesa di San Michele Arcangelo, il Santuario di Santa Maria del Buon Consiglio e i resti del borgo medievale.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Ponte Buggianese segnaliamo la "Sagra del Ranocchio" che tiene annualmente nel mese di agosto e che prevede l'allestimento di stand enogastronomici per la degustazione degli ottimi prodotti locali.