Torna alla provincia di Arezzo

Chitignano

Foto © Comune di Chitignano Chitigniano

Chitignano (C.A.P. 52010) dista 31,9 chilometri da Arezzo, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Chitignano conta 955 abitanti (Chitignanini) e ha una superficie di 14,71 chilometri quadrati per una densità abitativa di 64,92 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 282 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Arrigucci 1, tel. 0575 - 596713 fax. 0575 - 596244: l'indirizzo di posta elettronica è chitignano@casentino.toscana.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Chitignano ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 817 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 955 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 16,89%.

Gli abitanti sono distribuiti in 397 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,41 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 350 e i 1.263 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 913 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 21 attività industriali con 66 addetti pari al 41,77% della forza lavoro occupata, 11 attività di servizio con 17 addetti pari al 10,76% della forza lavoro occupata, altre 22 attività di servizio con 63 addetti pari al 39,87% della forza lavoro occupata e 8 attività amministrative con 12 addetti pari al 7,59% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 158 individui, pari al 16,54% del numero complessivo di abitanti del comune.

Chitignano sorge sull'Alpe di Catenaia.

Foto © Comune di Chitignano Chitigniano

L'economia locale si basa sull'agricoltura e sul turismo, potendo contare quest'ultimo sulla presenza di sorgenti termali con proprietà cloro-ferro-carbonate e di numerose e qualificate strutture alberghiere.

Il nome della località deriva con tutta probabilità dal nome proprio di persona latino "Clutinius", al quale venne successivamente aggiunto il suffisso "-anus" indicante appartenenza.

Le prime notizie storiche su Chitignano risalgono al 967, anno in cui venne emesso un documento ufficiale che attestava la proprietà feudale del borgo a Goffredo di Ildebrando.

Il borgo si sviluppò attorno a un castello e successivamente passò dapprima ai Conti di Chiusi e quindi agli Ubertini, i quali ne mantennero il controllo fino all'inizio del XIV secolo, sotto l'influenza diretta della città di Firenze.

Nel 1325 la proprietà del Castello di Chitignano venne assunta da Guido Tarlati, Vescovo di Arezzo, il quale ne detenne il controllo fino alla fine dello stesso secolo, per poi passare la proprietà nuovamente agli Ubertini.

La famiglia degli Ubertini ricevette il borgo in accomandita dalla Repubblica di Firenze e lo governò per circa quattro secoli.

Con l'avvento della dinastia de' Medici ebbe inizio un periodo di stabilità politica, durante il quale Chitignano venne elevato al rango di Podesteria. Nello stesso periodo vennero scoperte le sorgenti termali del luogo e utilizzate per la cura di alcune malattie.

A metà del Settecento, con il passaggio del potere ai Duchi di Lorena, il borgo ottenne la propria autonomia comunale.

Foto © Comune di Chitignano Chitigniano

I Duchi di Lorena contribuirono anche a dare uno slancio all'economia grazie alla loro politica illuminata che puntava principalmente all'incremento delle coltivazioni rurali e allo sfruttamento delle risorse boschive.

All'inizio dell'Ottocento la dominazione lorenese venne interrotta dall'invasione del territorio dell'esercito francese guidato da Napoleone Bonaparte che ivi rimase stanziato fino al 1814, anno in cui Chitignano entrò a far parte del Granducato di Toscana, ritornando sotto il dominio dei Lorena.

Nel 1861 Chitignano venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Chitignano citiamo qui la Parrocchia di San Vincenzo, il Castello dei Conti Ubertini e la Podesteria.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Chitignano segnaliamo qui la "Festa di San Vincenzo" che si tiene annualmente il 22 di febbraio in onore del Santo Patrono.