Torna alla provincia di Arezzo

Pian di Sco

Foto © Editori dell'Acero Piave di Santa Maria a Pian di Sco

Pian di Sco (C.A.P. 52026) dista 47,4 chilometri da Arezzo, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Pian di Sco conta 5.441 abitanti (Piandiscoesi) e ha una superficie di 18,42 chilometri quadrati per una densità abitativa di 295,39 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 349 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza del Municipio 3, tel. 055 - 9631200 fax. 055 - 9631290: l'indirizzo di posta elettronica è sindaco@comune.pian-di-sco.ar.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Pian di Sco ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 4.599 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 5.441 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 18,31%.

Gli abitanti sono distribuiti in 1.826 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,98 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 128 e i 1.131 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 1.003 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 226 attività industriali con 986 addetti pari al 64,32% della forza lavoro occupata, 84 attivitą di servizio con 153 addetti pari al 9,98% della forza lavoro occupata, altre 87 attivitą di servizio con 251 addetti pari al 16,37% della forza lavoro occupata e 36 attivitą amministrative con 143 addetti pari al 9,33% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 1.533 individui, pari al 28,17% del numero complessivo di abitanti del comune.

Pian di Sco sorge alle pendici del Pratomagno, in prossimità del torrente Resco.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione cerealicola e ortofrutticola e sull'attività delle industrie operanti nei settori meccanico e conciario.

L'etimologia del toponimo è incerta: esso potrebbe derivare dal nome del torrente che scorre nelle sue vicinanze e che si chiama "Resco", il cui nome è da intendere probabilmente come "re' Sco", nella cui espressione "re" significa "rio".

Foto © Editori dell'Acero Piave di Santa Maria a Pian di Sco

I primi insediamenti nella zona di Pian di Sco sorsero nel corso del secolo XI, quando ivi venne fondata la Pieve di Santa Maria, attorno alla quale la comunità si raccolse costruendovi le prime abitazioni.

Sin dal principio l'intera zona si trovò sottoposta alla giurisdizione della famiglia Pazzi per poi passare successivamente agli Umbertini, i quali ne mantennero il controllo per circa tre secolo.

Alla fine del XIII secolo la Repubblica di Firenze, dopo aver conquistato alcuni territori limitrofi Pian di Sco, tra i quali quello di Castelfranco di Sopra, vi fondò un borgo fortificato e istituì una Lega allo scopo di contrastare l'egemonia delle famiglie di feudari, alla quale Lega aderì anche il borgo di Pian di Sco.

All'inizio del XV secolo i Granduchi de' Medici salirono al potere della Repubblica di Firenze, dominando di conseguenza tutti i suoi possedimenti tra i quali era anche Pian di Sco. Sotto la dominazione medicea la comunità di Pian di Sco sviluppò la propria economia dedicandosi alle coltivazioni rurali dalle quali provenivano i beni di prima necessità.

Successivamente, alla morte dell'ultimo discendente diretto del casato mediceo, i Duchi di Lorena salirono al potere.

Nel 1774 nell'ambito delle riforme lorenesi Pietro Leopoldo di Lorena soppresse l'antica "Lega di Castelfranco di Sopra" della quale Pian di Sco aveva fatto parte per secoli: i due borghi vennero quindi uniti amministrativamente.

All'inizio del XIX secolo il territorio di Pian di Sco venne invaso dalle truppe francesi guidate da Napoleone Bonaparte che ivi rimasero stanziate fino al 1814. Durante la dominazione napoleonica il borgo di Pian di Sco ottenne le sua autonomia comunale.

Nel 1861 Pian di Sco venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Pian di Sco citiamo qui la Pieve di Santa Maria, la Cappella di Casabiondo e i resti delle fortificazioni medievali.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Pian di Sco segnaliamo qui la "Fiera Nazionale degli Uccelli" che si tiene annualmente all'inizio del mese di ottobre, nella quale è possibile ammirare numerosissime specie di volatili.