Torna alla provincia di Firenze

Greve in Chianti

Foto © Editori dell'Acero Il Castello Monte Fioralle

Greve in Chianti (C.A.P. 50022) dista 33,4 chilometri da Firenze, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Greve in Chianti conta 12.701 abitanti (Grevigiani) e ha una superficie di 169,12 chilometri quadrati per una densità abitativa di 75,10 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 236 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza G. Matteotti 8, tel. 055 - 85451 fax. 055 - 8544654: l'indirizzo di posta elettronica è sindaco@comune.greve-in-chianti.fi.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Greve in Chianti ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 11.139 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 12.701 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 14,02%.

Gli abitanti sono distribuiti in 4.854 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,62 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 113 e i 892 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 779 metri.

Foto © Editori dell'Acero San Pietro a Sillano

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 433 attività industriali con 1.848 addetti pari al 51,74% della forza lavoro occupata, 305 attività di servizio con 624 addetti pari al 17,47% della forza lavoro occupata, altre 296 attività di servizio con 848 addetti pari al 23,74% della forza lavoro occupata e 79 attività amministrative con 252 addetti pari al 7,05% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 3.572 individui, pari al 28,12% del numero complessivo di abitanti del comune.

Greve in Chianti sorge lungo la riva sinistra del fiume Greve.

L'economia locale si basa prevalentemente sull'attività delle industrie del cemento, del legno, conciarie e alimentari. Particolarmente sviluppata è anche la lavorazione artigianale del ferro battuto e dei ricami, come rinomata è anche la produzione di pregiati vini locali.

La località deriva il suo nome attuale dall'unione di "Greve", nome del fiume lungo il quale essa sorge, e di "Chianti", con riferimento al nome dell'area nella quale la località sorge.

I primi insediamenti sul territorio sono di origine antichissima, come dimostrato dai ritrovamenti archeologici in zona, databili all'epoca etrusco-romana.

Foto © Editori dell'Acero Piazza Giovanni a Verrazzano

Tuttavia l'effettiva formazione del borgo avvenne in epoca medievale, sotto la giurisdizione della città di Firenze, del cui contado Greve in Chianti fece parte.

Greve in Chianti sviluppò rapidamente la propria economia, grazie alla sua posizione favorevole in prossimità di importanti assi viari, quali la "Via Francigena" e la "Via Volterrana", che collegavano il borgo alla città di Firenze e alle principali località del Valdarno superiore e della Val di Pesa. Ciò favorì significativamente il commercio delle produzioni locali.

Alla fine del XIV secolo era già diffusa una fiorente produzione vinicola, particolarmente apprezzata dai nobili fiorentini e senesi, i quali furono i principali fautori della crescita economica del borgo.

Tra il XVII e il XVIII secolo Greve in Chianti godeva già di una certa autonomia e di una notevole prosperità economica tanto da divenire uno dei principali centri della zona.

Agli inizi del Settecento Greve in Chianti fu sotto la giurisdizione dei Duchi di Lorena, i quali, operando la bonifica del territorio, favorirono ulteriormente l'accrescimento delle produzioni agricole e il conseguente forte impulso economico.

Foto © Editori dell'Acero San Leolino a Panzano

Agli inizi dell'Ottocento il territorio di Greve in Chianti venne invaso dall'esercito francese di Napoleone Bonaparte che ivi rimase stanziato fino al 1814, anno in cui il Trattato di Vienna assegnò la città al Granducato di Toscana.

Nel 1861 Greve in Chianti venne annessa al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore interesse a Greve in Chianti citiamo qui la Chiesa di Santa Croce, la Pieve di San Leolino a Panzano, la Pieve di San Cresci, il Castello di Montefioralle, il Castello di Uzzano e il Castello di Vicchiomaggio.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono a Greve in Chianti segnaliamo qui la "Mostra Mercato di Piante e Fiori" che si tiene annualmente nel mese di maggio nei giorni 7 e 8.

In occasione della mostra nella piazza principale della città viene allestito un orto botanico nel quale è possibile ammirare bellissime specie vegetali e floreali coi loro differenti colori e profumi.