Torna alla provincia di Firenze

Scarperia

Foto © Editori dell'Acero Paesaggio di Scarperia

Scarperia (C.A.P. 50038) dista 52,6 chilometri da Firenze, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Scarperia conta 6.778 abitanti (Scarperiesi) e ha una superficie di 79,37 chilometri quadrati per una densità abitativa di 85,40 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 292 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via dei Bastioni 3, tel. 055 - 843161 fax. 055 - 846509: l'indirizzo di posta elettronica è urp@comune.scarperia.fi.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Scarperia ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 5.852 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 6.778 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 15,82%.

Gli abitanti sono distribuiti in 2.528 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,68 componenti.

Foto © Editori dell'Acero Chiesa di Sant`Agata

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 193 e i 1.125 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 932 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 215 attività industriali con 1.791 addetti pari al 67,15% della forza lavoro occupata, 98 attività di servizio con 255 addetti pari al 9,56% della forza lavoro occupata, altre 101 attività di servizio con 320 addetti pari al 12,00% della forza lavoro occupata e 47 attività amministrative con 301 addetti pari al 11,29% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 2.667 individui, pari al 39,35% del numero complessivo di abitanti del comune.

Scarperia sorge nella valle del Mugello.

L'economia della città si basa prevalentemente sul turismo, favorito soprattutto dal fascino medievale della città ma anche dalle numerose e qualificate strutture ricettive e dalla presenza dell'Autodromo Internazionale del Mugello, che richiama annualmente innumerevoli appassionati da tutto il mondo. Notevole è anche la produzione artigianale dei coltelli che affonda le sue radici nel Medioevo.

Il nome della città deriva dal termine latino "scarpa", nel probabile significato di pendio.

Foto © Editori dell'Acero Chiesa dei Santi Jacopo e Filippo

I primi insediamenti nella zona risalgono all'epoca etrusco-romana nella quale Scarperia rivestiva già una notevole importanza perchè attraversata da due importanti vie di comunicazione, quali la via Faentina e la Bolognese.

La fondazione ufficiale del borgo di Scarperia risale al 1306 ad opera della Repubblica Fiorentina che intendeva così contrastare i grandi feudatari della zona, gli Ubaldini, i quali avevano il controllo dei principali assi viari del Mugello.

I fiorentini crearono pertanto uno stanziamento militare ben fortificato assicurandosi così il controllo e la difesa della viabilità da Firenze verso il nord.

Nel 1415 Scarperia divenne sede di vicariato assumendo una notevole importanza amministrativa nella zona del Mugello.

Nel 1562, a seguito dei danneggiamenti causati da un terremoto precedente, la Repubblica si adoperò nella ricostruzione del borgo di Scarperia e nella sua fortificazione mediante una nuova cinta di mura rinforzata da bastioni, di cui è possibile ancora oggi vedere i resti. Da allora il borgo conobbe un buon impulso economico, grazie ai fiorenti commerci e anche allo sviluppo della lavorazione artigianale del ferro, che si protrasse per i due secoli successivi.

A metà del XVIII secolo con l'apertura della strada, ad opera dei duchi di Lorena, che collegò direttamente le città di Firenze e Bologna attraverso il valico della Futa, ebbe inizio una fase di decadenza economica per Scarperia, che si vide emarginata dai traffici commerciali.

Foto © Editori dell'Acero Chiesa di Santa Maria a Fagna

Nel 1861 Scarperia venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Scarperia citiamo qui la Prepositura dei Santi Jacopo e Filippo, la Cappella della Madonna di Piazza, l'Oratorio della Madonna dei Terremoti e il Palazzo dei Vicari.

La città di Scarperia ha dato i natali al famoso scrittore Nicola Lisi (1893–1975).

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Scarperia segnaliamo qui i tradizionali festeggiamenti del Diotto che si tengono annualmente l'8 di settembre e prevedono un Corteo Storico e alcune tradizionali gare di abilità tra le quali il tiro dei coltelli. La ricorrenza festeggia la festa della Natività della Madonna.