Torna alla provincia di Grosseto

Sorano

Foto © Roger C. Davis Sorano

Sorano (C.A.P. 58010) dista 91,5 chilometri da Grosseto, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Sorano conta 3.915 abitanti (Soranesi) e ha una superficie di 174,78 chilometri quadrati per una densità abitativa di 22,40 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 379 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza del Municipio 15, tel. 0564 - 633023 fax. 0564 - 633033: l'indirizzo di posta elettronica è info@comune.sorano.gr.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Sorano ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 4.185 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 3.915 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -6,45%.

Gli abitanti sono distribuiti in 1.667 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,35 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 158 e i 947 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 789 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 114 attività industriali con 394 addetti pari al 40,87% della forza lavoro occupata, 77 attività di servizio con 139 addetti pari al 14,42% della forza lavoro occupata, altre 96 attività di servizio con 285 addetti pari al 29,56% della forza lavoro occupata e 38 attività amministrative con 146 addetti pari al 15,15% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 964 individui, pari al 24,62% del numero complessivo di abitanti del comune.

Sorano sorge in posizione elevata lungo la valle del fiume Lente.

Foto © Roger C. Davis Sorano

L'economia locale poggia prevalentemente sulla produzione di salumi, salsicce, formaggi, tra i quali la ricotta, e sull'artigianato artistico della lavorazione del cuoio e della ceramica.

Il nome della località è da ricondurre al nome proprio di persona "Soranus", che con tutta probabilità le venne dato dai Romani.

I primi insediamenti nella zona di Sorano risalgono all'epoca dei Romani, come testimoniano i ritrovamenti archeologici in zona databili appunto al periodo romano.

Nell'anno 862 Sorano si trovò sotto la giurisdizione dei Conti Aldobrandeschi. In quello stesso anno l'imperatore Ludovico II emanò la costituzione della Contea Aldobrandesca.

Il borgo rimase sotto la dominazione degli Aldobrandeschi fino al 1312 condividendone le vicende politiche e economiche. Fu quello un periodo di benessere per Sorano che acquisì una notevole importanza nell'intero circondario.

Alla fine del XIII secolo il borgo passò agli Orsini, nobile famiglia romana di parte Guelfa (sostenitrice del Papato). Sotto la loro giurisdizione Sorano divenne una piazzaforte impegnata nelle lotte contro la Repubblica Senese.

Sorano subì dunque le alterne vicende delle lotte tra le potenti città a lui vicine che si conclusero solo nel 1555 con la caduta definitiva della Repubblica di Siena.

Nel 1556 Niccolò Orsini assunse definitivamente la proprietà e il controllo del borgo, che venne affidato a un Podestà. Il borgo di Sorano venne allora fortificato mediante la costruzione di un'imponente cinta muraria e di una rocca.

Foto © Roger C. Davis Fortezza degli Orsini

Nel 1604, alla morte di Alessandro di Bertolo e a causa delle continue lotte intestine all'interno della famiglia degli Orsini, Sorano passò ai Granduchi de' Medici, i quali ne mantennero il controllo fino al 1737, quando i Duchi di Lorena successero loro al governo della Toscana.

I Duchi di Lorena misero in atto una politica tesa alla bonifica del territorio che si presentava in parte paludoso. In seguito alla bonifica della zona Sorano conobbe una notevole crescita economica e demografica. É di quel periodo la nascita della prima fabbrica di cera in Maremma.

La dominazione lorenese venne interrotta dall'invasione delle truppe francesi di Napoleone Bonaparte, che si stanziarono nel territorio e vi rimasero fino al 1814.

Nel 1861 Sorano venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Sorano citiamo qui la Collegiata di San Nicola, la Rocca degli Orsini, il Sasso Leopoldino e i resti delle fortezze di Castelvecchio, Castellaccio e Rocchetta.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Sorano citiamo qui la tradizionale "Sagra del Prosciutto" che si tiene nella prima metà del mese di agosto. In occasione della Sagra del Prosciutto viene anche allestita una mostra di prodotti tipici del luogo.