Torna alla provincia di Lucca

Massarosa

Foto © Editori dell'Acero San Pantaleone a Pieve a Elici

Massarosa (C.A.P. 55054) dista 19,3 chilometri da Lucca, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Massarosa conta 20.036 abitanti (Massarosesi) e ha una superficie di 68,59 chilometri quadrati per una densità abitativa di 292,11 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 10 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Taddei 1, tel. 0584 - 9790 fax. 0584 - 938614: l'indirizzo di posta elettronica è info@comune.massarosa.lu.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Massarosa ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 18.897 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 20.036 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 6,03%.

Gli abitanti sono distribuiti in 7.306 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,74 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 3 e i 467 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 464 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 656 attività industriali con 2.019 addetti pari al 39,90% della forza lavoro occupata, 519 attività di servizio con 1.335 addetti pari al 26,38% della forza lavoro occupata, altre 419 attività di servizio con 1.182 addetti pari al 23,36% della forza lavoro occupata e 124 attività amministrative con 524 addetti pari al 10,36% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 5.060 individui, pari al 25,25% del numero complessivo di abitanti del comune.

Massarosa sorge nella zona compresa tra le Alpi Apuane e la riviera della Versilia.

L'economia locale si basa principalmente sull'attività industriale dei numerosi calzaturifici che si trovano in zona.

Il nome della località venne citato per la prima volta in un documento ufficiale del 932 con il nome di "Massa Grausi" e successivamente, dal 1260, con quello di "Massa Grosa". Il suo nome deriva dal composto di "Massa" e del nome di origine germanica "Grauso".

I numerosi reperti archeologici rinvenuti in zona dimostrano che la località era già abitata all'epoca dei Romani

Nel 932 il territorio di Massarosa venne donato ai canonici del Duomo San Martino di Lucca dal Re Ugo, i quali ottennero successivamente anche il possedimento di un "castrum", del quale tuttavia non si conosce la data di costruzione.

Durante il Medioevo la località accrebbe la sua importanza politica e economica grazie anche alla conquista di alcune terre vicine. Nel medesimo periodo la comunità di Massarosa si costituì in libero comune.

Nel corso del XIII secolo gli abitanti di Massarosa iniziarono a rivendicare la propria autonomia che venne loro riconosciuta nel 1270, con un atto che assegnò poteri civili ai canonici e alcuni diritti minori al comune.

Si susseguirono quindi lotte tra le varie signorie feudali e la potente città di Lucca per il possesso del territorio di Massarosa, che si conclusero alla fine del XIV secolo con la vittoria della Repubblica Lucchese.

Nel 1799, l’arrivo dei Francesi segnò la fine dell'autonomia della Repubblica Lucchese: lo stato venne concesso come Principato alla sorella di Napoleone, Elisa Baciocchi, e con esso tutti i possedimenti tra i quali anche Massarosa.

Nel 1847 la città venne annessa al Granducato di Toscana con Leopoldo II di Lorena e nel 1861 venne unita al Regno d’Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Massarosa citiamo qui la Chiesa dei Santi Jacopo e Andrea e la Villa Buonvisi.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Massarosa segnaliamo qui l'interessante "Mostra Zootecnica" che si tiene annualmente nel mese di maggio e prevede l'esposizione di animali domestici, piante, macchine agricole e prodotti gastronomici locali.