Torna alla provincia di Massa Carrara

Tresana

Foto © Davide Papalini
The town of Tresana

Tresana (C.A.P. 54012) dista 39,4 chilometri da Massa-Carrara, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Tresana conta 2.055 abitanti (Tresanesi) e ha una superficie di 44 chilometri quadrati per una densità abitativa di 46,70 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 112 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via Roma 1, tel. 0187 - 477112 fax. 0187 - 477449: l'indirizzo di posta elettronica è municipiotresana@libero.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Tresana ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 2.171 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 2.055 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -5,34%.

Gli abitanti sono distribuiti in 886 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,32 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 66 e i 980 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 914 metri.

Foto © Davide Papalini
The castle of Tresana

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 28 attività industriali con 84 addetti pari al 28,19% della forza lavoro occupata, 44 attività di servizio con 74 addetti pari al 24,83% della forza lavoro occupata, altre 39 attività di servizio con 90 addetti pari al 30,20% della forza lavoro occupata e 15 attività amministrative con 50 addetti pari al 16,78% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 298 individui, pari al 14,50% del numero complessivo di abitanti del comune.

Tresana sorge nel territorio della Lunigiana, lungo la riva destra del fiume Magra.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di cereali, foraggi, uva da vino e sull'allevamento dei bovini.

Il nome della località deriva con tutta probabilità dal nome proprio di persona "Tresius", al quale venne aggiunto il suffisso "-ana" indicante appartenenza.

Foto © Davide Papalini
La chiesa di Quirico e Giulitta

La fondazione del borgo di Tresana avvenne al tempo della colonizzazione longobarda del territorio e il suo consolidamento si realizzò nel corso dell'Alto Medioevo.

A metà del secolo XII l'imperatore Federico Barbarossa concesse la proprietà del borgo alla famiglia Malaspina, potenti feudatari che in quel tempo esercitava la propria giurisdizione sull'intero territorio della Lunigiana.

Successivamente il borgo venne sottoposto al dominio dei Giovagallo, appartenenti anch'essi al casato dei Malaspina, i quali ne mantennero il controllo fino a metà del XIV secolo.

A metà del XVI secolo la proprietà feudale di Tresana venne riconfermata ai Malaspina mediante un editto imperiale emanato dall'imperatore Massimiliano II.

Sin dal principio le principali attività economiche di Tresana riguardarono le coltivazioni agricole, dalle quali provenivano i mezzi di sostentamento della popolazione. Per la sua posizione geografica la località rimase estranea ai fiorenti commerci che si svolgevano nella stessa zona.

Ciò permise ai Fiorentini e ai Genovesi di sobillare la comunità di Tresana contro il potere feudale dei Malaspina. Questi ultimi vennero definitivamente scacciati a metà del XVII secolo quando dopo, una rivolta popolare, il borgo di Tresana decise di porsi sotto la protezione della Repubblica di Firenze.

Il borgo di Tresana venne allora acquistato da Bartolomeo Corsini, appartenente a un nobile casato fiorentino, il quale ne mantenne il controllo fino all'inizio del XIX secolo, dapprima sotto l'influenza diretta dei Granduchi de' Medici e successivamente dei Duchi di Lorena.

Foto © Davide Papalini
Un particolare di Tresana

Dopo l'invasione francese del territorio, conclusasi nel 1814, Tresana venne affidata al Ducato di Modena, retto dalla famiglia ferrarese degli Estensi.

Nel 1861 Tresana venne annessa al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Tresana citiamo qui la Pieve di Santa Maria Assunta, il Castello di Giovagallo e i ruderi delle fortificazioni medievali.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Tresana segnaliamo la tradizionale "Sagra della Castagna" che si tiene nel mese di ottobre e che prevede l'allestimento di stand gastronomici dove è possibile degustare gli ottimi piatti tipici locali preparati a base di castagne, accompagnati dal buon vino locale.