Torna alla provincia di Pisa

Castellina Marittima

© Reti e Sistemi Toscana.indettaglio.it

Castellina Marittima (C.A.P. 56040) dista 64,8 chilometri da Pisa, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Castellina Marittima conta 1.816 abitanti (Castellinesi) e ha una superficie di 45,74 chilometri quadrati per una densità abitativa di 39,70 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 375 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Mazzini 4, tel. 050 - 694111 fax. 050 - 694112: l'indirizzo di posta elettronica è f.lucchesi@comune.castellina.pi.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Castellina Marittima ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 1.816 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 1.816 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 0%.

Gli abitanti sono distribuiti in 765 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,37 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 18 e i 662 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 644 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 47 attività industriali con 207 addetti pari al 40,91% della forza lavoro occupata, 44 attività di servizio con 89 addetti pari al 17,59% della forza lavoro occupata, altre 41 attività di servizio con 143 addetti pari al 28,26% della forza lavoro occupata e 19 attività amministrative con 67 addetti pari al 13,24% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 506 individui, pari al 27,86% del numero complessivo di abitanti del comune.

Castellina Marittima sorge nell'alta valle del fiume Fine.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione cerealicola e di foraggi e sull'estrazione e la lavorazione dell'alabastro.

Il nome della località deriva dal composto di "castellina", essendo quest'ultimo un diminutivo di "castello", e di "Marittima", con riferimento alla Maremma.

Secondo alcuni ritrovamenti archeologici in zona è possibile ipotizzare che l'area fosse già abitata all'epoca degli Etruschi e che in tale periodo fosse già attiva l'estrazione e la lavorazione dell'alabastro.

La documentazione storica sul borgo inizia a partire dal secolo X, quando la famiglia locale dei Conti della Gherardesca vi fece costruire un castello: attorno a quest'ultimo la comunità iniziò a raccogliersi e a costruire le proprie abitazioni.

Nel XIII secolo dopo essere stata acquistata dalla Repubblica di Pisa, Castellina Marittima raggiunse lo status di comune autonomo.

Per la sua posizione elevata la località divenne un luogo strategico dal quale controllare la cosiddetta "Via Emilia", lungo la quale si svolgevano allora importanti traffici commerciali.

A metà del XIV secolo il Conte Ugo Giovanni della Gherardesca, deciso a riprendere l'antico dominio, organizzò una ribellione contro la Repubblica Pisana che coinvolse l'intera area della Maremma. Pisa riuscì a sedare del tutto la rivolta solo all'inizio del secolo successivo.

Nel 1406 la città di Firenze, in piena espansione territoriale, invase il territorio maremmano e dopo aver sconfitto l'esercito pisano si impadronì di tutti i possedimenti della repubblica.

Entrata nell'orbita di Firenze, che le concesse l'autonomia comunale, Castellina Marittima si trovò sottoposta alla giurisdizione dei Granduchi de' Medici.

Nel corso del XVII secolo l'intero territorio fu colpito da una grave pestilenza che provocò lo spopolamento dell'area e il completo crollo dell'economia locale.

Solo all'inizio del XIX secolo, con l'avvento al potere dei Duchi di Lorena, il borgo potè risollevare le proprie sorti economiche grazie alle riforme granducali miranti alla bonifica del territorio per il suo popolamento e la ripresa delle attività rurali.

Dopo l'invasione dell'esercito francese al seguito di Napoleone Bonaparte avvenuta all'inizio del XIX secolo, nel 1861 Castellina Marittima venne annessa al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Castellina Marittima citiamo qui il Castello Mediceo e l'Ecomuseo dell'Alabastro.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Castellina Marittima segnaliamo qui la tradizionale "Sagra della Cucina Povera" che si tiene annualmente nel mese di agosto proponendo la rivisitazione di antiche ricette culinarie. Durante la manifestazioni si svolgono anche mostre e spettacoli che fanno da cornice all'evento.