Torna alla provincia di Pisa

Santa Maria a Monte

Foto © Apt Pisa La città di Santa Maria a Monte

Santa Maria a Monte (C.A.P. 56020) dista 38,5 chilometri da Pisa, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Santa Maria a Monte conta 10.843 abitanti (Santamariammontesi) e ha una superficie di 38,27 chilometri quadrati per una densità abitativa di 283,33 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 56 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Vittoria 47, tel. 0587 - 261611 fax. 0587 - 705117: l'indirizzo di posta elettronica è info@comune.santamariaamonte.pi.it.

Foto © Apt Pisa Municipio

Cenni anagrafici: Il comune di Santa Maria a Monte ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 10.373 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 10.843 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 4,53%.

Gli abitanti sono distribuiti in 3.849 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,82 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 6 e i 112 metri sul livello del mare.

Foto © Apt Pisa Torre dell`Orologio

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 106 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 432 attività industriali con 2.804 addetti pari al 65,58% della forza lavoro occupata, 185 attività di servizio con 494 addetti pari al 11,55% della forza lavoro occupata, altre 158 attività di servizio con 453 addetti pari al 10,59% della forza lavoro occupata e 85 attività amministrative con 525 addetti pari al 12,28% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 4.276 individui, pari al 39,44% del numero complessivo di abitanti del comune.

Santa Maria a Monte si estende lungo la vallata destra del fiume Arno.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione cerealicola e ortofrutticola e sull'attività di numerose industrie operanti nel settore calzaturiero e della lavorazione del legno.

Foto © Apt Pisa Oratorio Santa Maria delle Grazie

Il nome della località deriva con tutta probabilità da quello di una cappella dedicata a Santa Maria sorta presso la località che al principio era denominata "Monte", in virtù del trovarsi in posizione collinare.

I primi insediamenti abitativi nella zona di Santa Maria a Monte risalgono al 776 D.C., anno in cui venne fondata la Cappella di Santa Maria, attorno alla quale la comunità iniziò a raccogliersi.

Successivamente, nei pressi dell'edificio religioso, sorse anche un castello che si trovò sottoposto alla giurisdizione del Vescovado di Lucca.

Nel corso del Medioevo il borgo di Santa Maria a Monte andò consolidandosi sotto l'egida lucchese fino a assumere la sua attuale fisionomia.

Nel corso del XIII secolo ebbe inizio una contesa tra le potenti città del tempo per il controllo del borgo che, per tutto il secolo, vide l'alternarsi di tali città al potere.

Foto © Apt Pisa Collegiata di San Giovanni: fonte battesimale

Santa Maria a Monte venne quindi dapprima sottratta da Pisa al potere di Lucca e successivamente quest'ultima la riconquistò grazie all'intervento del condottiero Castruccio Castracani.

Nel XIV secolo durante l'invasione del territorio operata dalle truppe della Repubblica di Firenze, l'antico castello di Santa Maria a Monte venne raso al suolo.

All'inizio del secolo successivo il borgo di Santa Maria a Monte venne conquistato da parte della Repubblica di Firenze e successivamente annesso al contado di quest'ultima.

I Fiorentini si adoperarono prontamente nella fortificazione del borgo mediante la costruzione di una tripla cinta muraria e al tempo stesso contribuirono all'incremento di una economia prevalentemente a carattere rurale.

Nel corso dei secoli successivi il borgo di Santa Maria a Monte divenne un fiorente centro agricolo che, passato per eredità ai Duchi di Lorena, venne da loro concesso in feudo a diverse famiglie locali.

Foto © Apt Pisa Festa della Patata

Il processo di sviluppo urbanistico di Santa Maria a Monte, incentrato sulla sistemazione dell'impianto urbano e sulla costruzione di edifici cittadini, venne intrapreso solo dopo l'Unità d'Italia, avvenuta nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Santa Maria a Monte citiamo qui la Collegiata di San Giovanni Evangelista, il Palazzo Pretorio e i resti delle fortificazioni medievali.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Santa Maria a Monte segnaliamo la tradizionale "Sagra della Patata Fritta" che si tiene annualmente nel mese di agosto e che prevede l'allestimento di stand enogastronomici per la degustazione delle specialità del luogo e stand per l'esposizione dei prodotti di artigianato locale.