Torna alla provincia di Pistoia

Agliana

Foto © Comune di Agliana
Agliana

Agliana (C.A.P. 51031) dista 9,2 chilometri da Pistoia, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Agliana conta 14.614 abitanti (Aglianesi) e ha una superficie di 11,64 chilometri quadrati per una densità abitativa di 1.255,50 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 42 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Resistenza 2, tel. 0574 - 6781 fax. 0574 - 678200: l'indirizzo di posta elettronica è urp@comune.agliana.pt.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Agliana ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 13.410 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 14.614 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 8,98%.

Gli abitanti sono distribuiti in 5.183 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,82 componenti.

Foto © Comune di Agliana
Chiesa di San Nicolo

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 39 e i 51 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 12 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 811 attività industriali con 3.275 addetti pari al 64,27% della forza lavoro occupata, 284 attività di servizio con 720 addetti pari al 14,13% della forza lavoro occupata, altre 241 attività di servizio con 871 addetti pari al 17,09% della forza lavoro occupata e 59 attività amministrative con 230 addetti pari al 4,51% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 5.096 individui, pari al 34,87% del numero complessivo di abitanti del comune.

Agliana sorge lungo la pianura compresa tra i fiumi Agna e Ombrone.

Agliana è un centro a carattere agricolo, dove però anche l'attività industriale gioca un ruolo rilevante nell'economia locale, con l'industria laniera, del mobilio e dell'artigianato.

Foto © Comune di Agliana
Chiesa di Spedalino

Incerta è l'etimologia del nome della località: secondo alcuni Agliana deriva il suo nome dal latino "Allius", al quale venne poi aggiunto il suffisso "-ana" con riferimento agli appezzamenti rustici, secondo altri Agliana corrisponderebbe alla città romana "Helliana", altri ancora sostengono che il nome derivi da quello del torrente Agna, dal latino "Alina", che bagna la pianura sulla quale la città sorge.

Si presume che la località fosse già abitata in epoca romana e che durante il Medioevo abbia assunto il nome di Alina.

L'effetivo consolidamento del borgo avvenne in epoca medievale. In quel periodo Agliana fu dapprima proprietà feudale dei Conti Guidi e successivamente della Cattedrale di Pistoia, sotto la giurisdizione della famiglia dei Pazzi.

Nel 1325 Agliana passò sotto il dominio del condottiero Castruccio Castracani, il quale vi fece costruire un torrione dal quale muovere all'assedio di Pistoia.

Dopo aver subito il saccheggio delle truppe reali di Giovanni di Boemia, nel 1401 Agliana divenne possedimento della repubblica Fiorentina.

Sotto il dominio fiorentino la podesteria di Agliana venne unificata a quella di Montale, pur conservando in una certa misura la propria autonomia. Vennero intraprese le prime opere di bonifica del territorio che favorirono l'estendersi delle coltivazioni agricole.

Foto © Comune di Agliana
Comune di Agliana

Durante la dominazione medicea Agliana conobbe una rilevante crescita economica e demografica. Essa ebbe un ruolo attivo nei commerci grazie anche al fatto di trovarsi nei pressi della Via Cassia che collegava le città di Pistoia, Firenze e Lucca.

Al Granducato Mediceo successe il Ducato dei Lorena, i quali continuarono l'opera di bonifica intrapresa dai Medici, favorendo in tal modo l'ulteriore sviluppo dell'economia.

Nel 1776 Leopoldo di Lorena emanò una riforma che sancì la definitiva unione dei comuni di Agliana e Montale. Avverso tale riforma si ebbero numerose insurrezioni della comunità di Agliana ma la città riconquistò la propria autonomia solo dopo l'Unità d'Italia che avvenne nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore interesse a Agliana citiamo qui la Chiesa di San Michele, la Chiesa di Spedalino, la Chiesa di San Niccolò, la Chiesa di San Piero e il Torrione.

Tra le numerose manfestazioni che si svolgono periodicamente a Agliana segnaliamo qui la "Fiera dell'Antiquariato" che si tiene annualmente il 7 di novembre.