Torna alla provincia di Pistoia

San Marcello Pistoiese

Foto Wikipedia
San Marcello Pistoiese

San Marcello Pistoiese (C.A.P. 51028) dista 30,1 chilometri da Pistoia, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

San Marcello Pistoiese conta 7.140 abitanti (Sanmarcellini) e ha una superficie di 84,7 chilometri quadrati per una densità abitativa di 84,30 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 623 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via Pietro Leopoldo 10/24, tel. 0573 - 62121 fax. 0573 - 630623: l'indirizzo di posta elettronica è urbanistica.smarcello@cosea.org.

Cenni anagrafici: Il comune di San Marcello Pistoiese ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 7.698 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 7.140 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -7,25%.

Gli abitanti sono distribuiti in 3.276 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,18 componenti.

Foto Wikipedia
Chiesa Santa Caterina

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 400 e i 1.881 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 1.481 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 105 attività industriali con 761 addetti pari al 24,69% della forza lavoro occupata, 177 attività di servizio con 312 addetti pari al 10,12% della forza lavoro occupata, altre 239 attività di servizio con 784 addetti pari al 25,44% della forza lavoro occupata e 47 attività amministrative con 1.225 addetti pari al 39,75% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 3.082 individui, pari al 43,17% del numero complessivo di abitanti del comune.

San Marcello Pistoiese sorge nella valle che si estende alla sinistra del torrente Lima.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di cereali, frutta, ortaggi, sulla pastorizia, sull'attività di numerose industrie operanti nei settori metalmeccanico e mellallurgico e sul turimo, potendo quest'ultimo contare sia sulla bellezza dei luoghi che sulla presenza di numerose strutture alberghiere qualificate.

La località trae il suo nome da quello della Chiesa Parrocchiale dedicata all'omonimo santo, al quale nel 1863 venne aggiunta la specificazione "Pistoiese", con riferimento alla provincia cui essa fa parte.

Foto Wikipedia
Chiesa Spignana

I primi insediamenti abitativi nel territorio di San Marcello Pistoiese risalgono al periodo dei Romani, come dimostrano i numerosi ritrovamenti in zona di sepolcri databili a tale epoca.

Tuttavia l'effettivo consolidamento del borgo avvenne in epoca medievale, quando esso si trovò governato dal Conte Guido Guerra.

La famiglia dei Conti Guidi dominò a lungo il borgo di San Marcello Pistoiese che nella prima metà del XIII secolo si presentava già ben fortificato.

Alla fine dello stesso secolo il borgo si dotò di statuti autonomi, sottraendosi per un breve periodo all'influenza che Pistoia aveva sin ad allora esercitato.

In quel periodo San Marcello Pistoiese subì le conseguenze delle lotte intestine tra le due famiglie locali dei Cancellieri e dei Panciatichi che si conclusero solo a metà del secolo successivo con la vittoria dei Panciatichi.

Riaffermatasi Pistoia al dominio del borgo di San Marcello Pistoiese, quest'ultimo divenne sede del cosiddetto "Capitanato della Montagna", del quale fece parte anche la vicina località di Cutigliano.

All'inizio del XV secolo i Cancellieri, supportati dalle truppe milanesi dei Visconti, assediarono invano la città di Pistoia che venne invece successivamente conquistata dalla Repubblica di Firenze e annessa al contado di quest'ultima insieme ai suoi possedimenti, tra i quali anche San Marcello Pistoiese.

Entrato definitivamente nell'orbita di Firenze, San Marcello Pistoiese ne condivise le sorti politiche e economiche, essendo governata dapprima dai Granduchi de' Medici e successivamente dai Duchi di Lorena.

Foto Wikipedia
San Marcello Pistoiese

All'inizio del XIX secolo il territorio venne invaso dalle truppe francesi di Napoleone Bonaparte che rimasero stanziate fino al 1814, quando San Marcello Pistoiese entrò a far parte del Granducato di Toscana, retto dai Lorena.

Nel 1861 San Marcello Pistoiese venne annesso al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a San Marcello Pistoiese citiamo qui la Parrocchiale di San Marcello, l'Oratorio di Santa Caterina e i resti del borgo medievale.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a San Marcello Pistoiese segnaliamo il tradizionale "Lancio della Mongolfiera" che si effettua annualmente l'8 del mese di settembre in occasione dell'anniversario della traslazione delle reliquie di Santa Celestina, patrona della città, dal Cimitero di Santa Ciliaca in Roma alla Chiesa Parrocchiale.