Torna alla provincia di Siena

Pienza

Foto © Editori dell'Acero Pienza

Pienza (C.A.P. 53026) dista 55,6 chilometri da Siena, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Pienza conta 2.231 abitanti (Pientini) e ha una superficie di 122,58 chilometri quadrati per una densità abitativa di 18,20 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 491 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Corso il Rossellino 61, tel. 0578 - 748502 fax. 0578 - 748361: l'indirizzo di posta elettronica è sindaco@comunedipienza.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Pienza ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 2.330 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 2.231 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -4,25%.

Gli abitanti sono distribuiti in 890 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,51 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 255 e i 677 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 422 metri.

Foto © Editori dell'Acero Palazzo Comunale

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 73 attività industriali con 278 addetti pari al 32,44% della forza lavoro occupata, 118 attività di servizio con 223 addetti pari al 26,02% della forza lavoro occupata, altre 95 attività di servizio con 278 addetti pari al 32,44% della forza lavoro occupata e 37 attività amministrative con 78 addetti pari al 9,10% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 857 individui, pari al 38,41% del numero complessivo di abitanti del comune.

Pienza sorge lungo la Val d'Orcia.

L'economia locale si basa prevalentemente sulle attività turistiche, potendo contare sulla bellezza dei suoi monumenti e qualificate strutture alberghiere.

La località ebbe il suo attuale nome a partire dal 1459 derivandolo da quello di Papa Pio II. Prima di allora il borgo era conosciuto con il nome di "Corsignano".

I primi insediamenti abitativi nella zona di Pienza risalgono all'Età della Pietra e del Bronzo, come testimoniano i numerosi ritrovamenti in zona di manufatti databili intorno al V millennio A. C..

Pienza venne successivamente abitati prima dagli Etruschi e poi dai Romani.

Foto © Editori dell'Acero Chiesa dei Santi Vito e Modesto a Corsignano

Durante il Medioevo Pienza era una rocca fortificata. Più tardi sorsero anche una Chiesa titolata ai Santi Vito e Modesto e un castello, attorno ai quali si formò il primo nucleo abitativo.

Durante il XIII secolo il borgo fu sotto la giurisdizione della città di Siena e in quel periodo subì numerose devastazioni dapprima da parte della città di Firenze e più tardi da parte di quella di Orvieto.

Il periodo di maggiore sviluppo economico e demografico di Pienza è legato alla famiglia Piccolomini e particolarmente a Enea Silvio Piccolomini, divenuto Papa nel 1458 con il nome di Pio II.

Papa Pio II, il quale ebbe i natali nella città di Pienza, decise di trasformare il suo borgo natale in una città ideale, al punto che Pienaz, pur mantenendo i tratti caratteristici di borgo medievale riflette ancora oggi i canoni ideali rinascimentali.

Il progetto venne affidato all'architetto fiorentino Bernardo Rosselino (1409-1464) il quale curò la costruzione di numerosi edifici religiosi e palazzi nobiliari. I lavori vennero interrotti nel 1464 alla morte del Pontefice.

Nel corso del XVI secolo Pienza subì continui assedi da parte di Siena e di Montalcino e solo a partire dal 1558 la città potè godere di un periodo di pace sotto la dominazione del Granduca Cosimo I de' Medici.

Foto © Editori dell'Acero Particolare: Piazza Pio II

Dal XVI secolo Pienza fece parte della Repubblica Fiorentina e con essa condivise le sorti e la sua storia fino agli inizi del XIX secolo, quando avvenne l'invasione dell'esercito francese guidato da Napoleone Bonaparte.

Nel 1861 Pienza venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Pienza citiamo qui la Cattedrale, la Chiesa di San Francesco, il Palazzo Piccolomini, il Palazzo Ammannati, il Palazzo Borgia, il Palazzo Comunale e il Museo di Arte Sacra.

La città di Pienza ha dato i natali a Enea Silvio Piccolomini, Papa Pio II (1405-1464), il quale fu anche un valente umanista, poeta e diplomatico. Il suo Pontificato si protrasse dal 1458 al 1464.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Pienza segnaliamo qui il tradizionale "Festival della Val d’Orcia" che si tiene nei mesi di luglio e agosto. La manifestazione prevede lo svolgimento di spettacoli di musica, teatro e danza.