Torna alla provincia di Arezzo

Capolona

© Reti e Sistemi Toscana.indettaglio.it

Capolona (C.A.P. 52010) dista 13,9 chilometri da Arezzo, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Capolona conta 4.802 abitanti (Capolonesi) e ha una superficie di 47,36 chilometri quadrati per una densità abitativa di 101,39 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 263 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza della Vittoria 1, tel. 0575 - 421317 fax. 0575 - 420456: l'indirizzo di posta elettronica è info@comune.capolona.ar.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Capolona ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 4.344 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 4.802 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 10,54%.

Gli abitanti sono distribuiti in 1.752 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,74 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 207 e i 720 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 513 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 185 attività industriali con 1.093 addetti pari al 57,77% della forza lavoro occupata, 104 attività di servizio con 178 addetti pari al 9,41% della forza lavoro occupata, altre 106 attività di servizio con 349 addetti pari al 18,45% della forza lavoro occupata e 16 attività amministrative con 272 addetti pari al 14,38% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 1.892 individui, pari al 39,40% del numero complessivo di abitanti del comune.

Capolona sorge lungo la valle che si estende a destra del fiume Arno.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di frumento, barbabietole da zucchero, olive, uva e sull'attività di numerose industrie operanti nei settori calzaturiero, meccanico e di altre industrie per la lavorazione della gomma e delle materie plastiche.

Il nome della località pare derivare dal composto di "Campo Leone" o "Caput Leone", avendo quest'ultimo il significato di "Capo del Leone".

Capolona viene citata per la prima volta in un documento ufficiale, databile all'anno 943 D. C., in cui si accenna alla donazione del territorio a un feudatario di Arezzo.

In quel tempo Ugo di Toscana fondò sul territorio l'Abbazia di San Gennaro e attorno a essa si raccolse la comunità di Capolona che ivi iniziò anche a costruire le proprie abitazioni.

Successivamente il borgo fu al centro di un'aspra contesa tra le potenti città vicine, le quali intendevano conquistarlo per poter usufruire della sua posizione strategica al confine tra più valli.

Nel corso dei secoli successivi il borgo di Capolona subì pertanto numerosi assedi, dapprima da parte dell'esercito aretino che lo conquistò mantenendone il controllo per circa un secolo, e successivamente da parte delle truppe del Vescovo di Arezzo, Guido Tarlat, che nel 1384 occupò il territorio.

Tuttavia in quel periodo ebbe inizio anche la politica fiorentina di espansione territoriale che condusse alla conquista dei possedimenti della città di Arezzo, tra i quali anche Capolona, che venne pertanto annessa ai domini della Repubblica di Firenze.

Durante la dominazione fiorentina il borgo subì nuovi assedi, tra i quali quello compiuto dalle truppe imperiali di Carlo V che, in lotta contro Firenze, devastarono Capolona, una delle sue proprietà più fiorenti e strategicamente importanti.

Dal XV secolo il borgo di Capolona si trovò dapprima sottoposto alla giurisdizione dei Granduchi de' Medici e successivamente a quella dei Duchi di Lorena. Questi ultimi salirono al potere all'inizio del XVIII secolo.

La dominazione lorenese coincise con un periodo di stabilità politica e di crescita economica, protraendosi quasi ininterrottamente fino all'Unità d'Italia avvenuta nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Capolona citiamo qui l'Abbazia di Campoleone, la Chiesa di Santa Lucia, la Chiesa di Santa Maria, il "Museo dell'Acqua" e il Ponte sull'Arno.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Capolona segnaliamo qui la "Sagra delle Ranocchie" e la "Sagra del Pesce di Mare" che si tengono annualmente nel mese di luglio e durante le quali è possibile gustare le ottime specialità gastronomiche tipiche del luogo.