Torna alla provincia di Arezzo

Laterina

© Reti e Sistemi Toscana.indettaglio.it

Laterina (C.A.P. 52020) dista 17,8 chilometri da Arezzo, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Laterina conta 3.432 abitanti (Laterinesi) e ha una superficie di 23,97 chilometri quadrati per una densità abitativa di 143,18 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 240 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via Trento 21, tel. 0575 - 88011 fax. 0575 - 894626: l'indirizzo di posta elettronica è comune@comune.laterina.ar.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Laterina ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 3.310 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 3.432 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 3,69%.

Gli abitanti sono distribuiti in 1.212 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,83 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 156 e i 316 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 160 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 151 attività industriali con 827 addetti pari al 68,92% della forza lavoro occupata, 53 attività di servizio con 151 addetti pari al 12,58% della forza lavoro occupata, altre 56 attività di servizio con 154 addetti pari al 12,83% della forza lavoro occupata e 23 attività amministrative con 68 addetti pari al 5,67% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 1.200 individui, pari al 34,97% del numero complessivo di abitanti del comune.

Laterina sorge in posizione collinare nella zona del Valdarno Superiore.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di cereali, uva, olive e sull'attività di numerose industrie operanti nei settori meccanico, chimico e della produzione dei materiali da costruzione.

Il nome della località potrebbe derivare dal latino "laterina", con il significato di "mattonaia", in riferimento alle cave d'argilla anticamente presenti in loco, oppure esso potrebbe dipendere dal nome proprio di persona latino "Laterinus".

I primi insediamenti nella località di Laterina risalgono all'epoca etrusco-romana, come dimostrano i rinvenimenti archeologici in zona databili a tali epoche.

Dopo la caduta dell'Impero Romano e in seguito alle invasioni barbariche, il territorio si spopolò per ripopolarsi a partire dal secolo XI.

In quel tempo la comunità di Laterina iniziò a raccogliersi attorno a un castello sorto precedentemente in prossimità di un'importante asse viario che attraversava il Valdarno, e ivi iniziò a costruire le proprie abitazioni.

Alla fine del XIII secolo il borgo di Laterina si trovò sottoposto alla giurisdizione del Vescovo di Arezzo. Quest'ultimo, in vista dei conflitti che si sarebbero creati di lì a poco tra i Guelfi (sostenitori del Papato) e i Ghibellini (sostenitori dell'Impero), fortificò Laterina e la affidò al controllo della famiglia degli Ubertini col compito di contrastare l'avanzata dei guelfi fiorentini.

Alla fine dello stesso secolo Laterina subì infatti un assedio da parte delle truppe fiorentine che, espugnandolo, lo consegnarono alla Republica di Firenze.

All'inizio del XIV secolo gli Ubertini riconquistarono il borgo di Laterina, mantenendone il controllo fino alla fine dello stesso secolo, quando dopo aver subito un assedio da parte del Vescovo di Arezzo, Guido Tarlati, gli Ubertini chiamarono in loro soccorso i Fiorentini.

L'esercito della Repubblica di Firenze scacciò le truppe del vescovo aretino e al tempo stesso conquistò definitivamente il borgo di Laterina che, dalla fine del XIV secolo, fece parte dei domini della Repubblica di Firenze.

Entrato nell'orbita fiorentina il borgo di Laterina si trovò dapprima governato dai Granduchi de' Medici e successivamente dai Duchi di Lorena, i quali nel 1774 lo elevarono al rango di comune autonomo.

La dominazione lorenese si protrasse quasi ininterrottamente fino all'Unità d'Italia, avvenuta nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Laterina citiamo qui la Chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano, l'Oratorio di San Rocco, la Villa Monsoglio e i resti delle fortificazioni medievali.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Laterina segnaliamo il tradizionale "Palio della Rana" che si tiene annualmente nell'ultima domenica del mese di giugno e che prevede lo svolgimento di una rievocazione storica in costume che rievoca usi e costumi del Medioevo. Nel corso della manifestazione si svolge anche la "Cena del Boscaiolo" durante la quale si ha l'opportunità di gustare le ottime pietanze tipiche locali cucinate secondo antiche ricette tradizionali.