Torna alla provincia di Firenze

Borgo San Lorenzo

Foto © Editori dell'Acero Santa Felicita a Faltona

Borgo San Lorenzo (C.A.P. 50032) dista 30,4 chilometri da Firenze, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Borgo San Lorenzo conta 15.779 abitanti (Borghigiani) e ha una superficie di 146,1 chilometri quadrati per una densità abitativa di 108,00 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 193 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Dante 2, tel. 055 - 849661 fax. 055 - 8456782: l'indirizzo di posta elettronica è urp@comune.borgo-san-lorenzo.fi.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Borgo San Lorenzo ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 15.285 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 15.779 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 3,23%.

Gli abitanti sono distribuiti in 6.012 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,62 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 177 e i 1.144 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 967 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 333 attività industriali con 1.606 addetti pari al 34,15% della forza lavoro occupata, 321 attività di servizio con 844 addetti pari al 17,95% della forza lavoro occupata, altre 405 attività di servizio con 1.388 addetti pari al 29,51% della forza lavoro occupata e 90 attività amministrative con 865 addetti pari al 18,39% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 4.703 individui, pari al 29,81% del numero complessivo di abitanti del comune.

Foto © Editori dell'Acero Santa Felicita a Faltona: particolare

Borgo San Lorenzo sorge lungo la riva sinistra del fiume Sieve.

L'economia della città è attiva nei settori agricolo e industriale ma fiorente è anche l'artigianato di ceramiche artistiche.

La prima comunità di Borgo San Lorenzo si formò all'epoca dei romani, i quali chiamarono il borgo con il nome di "Anneianum".

Dopo la caduta dell'Impero Romano il borgo si sviluppò nei dintorni di una pieve titolata a San Lorenzo, prendendo il nome di quest'ultima. Una pieve, il cui nome deriva dal latino "plebem" che significa plebe, indica la popolazione di campagna che si raccoglie attorno a una chiesa.

Nel corso del XIII secolo Borgo San Lorenzo subì i contrasti che si accesero tra la fazione dei Guelfi, sostenitrice del Papato, e quella dei Ghibellini, sostenitrice dell'Impero. Alla fine del secolo Borgo San Lorenzo entrò a far parte del Comune fiorentino e vi rimase condividendone la storia, fino all'avvento al potere dei duchi di Lorena.

A metà del XIV secolo Firenze si adoperò prontamente nella costruzione di una cinta di mura difensive intervallate da quattro porte d'accesso alla città, due delle quali sono ancora oggi esistenti, la Porta Fiorentina e la Porta dell'Orologio.

Nel 1440 Borgo San Lorenzo subì l'assedio delle truppe del condottiero Niccolò Piccinino che si concluse con la cacciata del nemico e nel 1527 resistette contro i francesi.

Foto © Editori dell'Acero Interno Santa Felicita a Faltona

Nella seconda metà del settecento la città entrò a far parte del ducato dei Lorena, i quali intrapresero grandi opere di bonifica del territorio e di ristrutturazione del tessuto urbano. Tali interventi diedero inizio a un rilevante sviluppo economico e demografico grazie al quale Borgo San Lorenzo vide aumentare la propria importanza.

Nel 1861 Borgo San Lorenzo venne annesso al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore interesse a Borgo San Lorenzo citiamo qui la Pieve di San Lorenzo, l'Oratorio di Sant'Omobono, il Santuario del Santissimo Crocifisso dei Miracoli, la Porta Fiorentina e la Porta dell'Orologio.

Tra le molteplici manifestazioni che si svolgono periodicamente a Borgo San Lorenzo segnaliamo il tradizionale Carnevale che si svolge nelle tre domeniche del periodo carnevalesco e che prevede una sfilata di carri allegorici e di gruppi in maschera.