Torna alla provincia di Grosseto

Monterotondo Marittimo

© Reti e Sistemi Toscana.indettaglio.it

Monterotondo Marittimo (C.A.P. 58025) dista 81,2 chilometri da Grosseto, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Monterotondo Marittimo conta 1.205 abitanti (Monterotondini) e ha una superficie di 102,12 chilometri quadrati per una densità abitativa di 11,80 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 539 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via Bardelloni 64, tel. 0566 - 91751 fax. 0566 - 916390: l'indirizzo di posta elettronica è monterotondomar@tiscalinet.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Monterotondo Marittimo ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 1.391 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 1.205 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -13,37%.

Gli abitanti sono distribuiti in 521 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,31 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 46 e i 764 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 718 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 34 attività industriali con 198 addetti pari al 56,73% della forza lavoro occupata, 22 attività di servizio con 36 addetti pari al 10,32% della forza lavoro occupata, altre 34 attività di servizio con 86 addetti pari al 24,64% della forza lavoro occupata e 22 attività amministrative con 29 addetti pari al 8,31% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 349 individui, pari al 28,96% del numero complessivo di abitanti del comune.

Monterotondo Marittimo sorge sulla destra del torrente Milia.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di ortaggi, frutta, olive, uva da vino e sull'attività di numerose industrie estrattive e delle centrali geotermiche per lo sfruttamento dei soffioni boraciferi presenti sul territorio.

Il nome della località deriva dal composto di "monte rotondo", con riferimento alle caratteristiche morfologiche, e di "marittimo", con riferimento all'area della Maremma, in cui la città sorge.

Il borgo di Monterotondo Marittimo venne fondato nel XII secolo dai Conti Alberti, i quali vi stabilirono la propria residenza.

Il primo documento ufficiale in cui la località viene citata risale al 1163, anno in cui Federico Barbarossa emanò un diploma ufficiale con il quale confermava la proprietà del territorio di Monterotondo Marittimo ai Conti Alberti.

All'inizio del XIII secolo il Conte Rainando Alberti si pose sotto la protezione della città di Massa Marittima che a metà dello stesso secolo acquistò il borgo di Monterotondo Marittimo e lo annesse ai suoi possedimenti.

Nel secolo successivo l'intera zona venne conquistata dalla Repubblica di Siena che elevò il borgo di Monterotondo Marittimo al rango di Vicariato.

Durante la dominazione senese l'impianto urbano di Monterotondo Marittimo venne ristrutturato come pure le sue fortificazioni.

Successivamente ebbe inizio una lunga contesa tra la Repubblica di Siena e quella di Firenze per il possesso di alcuni territori di Monterotondo Marittimo, contesa che si protrasse fino a metà del XVI secolo.

In tale occasione il borgo di Monterotondo Marittimo subì l'assedio delle truppe fiorentine, alleatesi per l'occasione con quelle del re di Spagna, che portò alla distruzione del castello e alla devastazione del territorio.

In seguito a tale evento la Repubblica di Siena dovette piegarsi al potere fiorentino e rinunciare a tutti i suoi possedimenti, tra i quali anche Monterotondo Marittimo, che vennero pertanto annessi al Granducato de' Medici.

Durante la dominazione medicea la comunità di Monterotondo Marittimo visse un periodo di pace e di stabilità politica, durante il quale il borgo venne ristrutturato e l'economia locale incrementata.

All'inizio del XVIII secolo i Duchi di Lorena salirono al potere, governando Monterotondo Marittimo fino all'Unità d'Italia avvenuta nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia, con la sola eccezione del breve periodo dell'occupazione francese.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Monterotondo Marittimo citiamo qui il Santuario della Madonna del Frassine, il Parco delle Biancane e i resti delle fortificazioni medievali.

La città di Monterotondo Marittimo ha dato i natali al poeta Renato Fucini, conosciuto anche come "Neri Tanfucio" (1843-1921).

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Monterotondo Marittimo segnaliamo la tradizionale "Sagra del Tortello" che si tiene annualmente nel mese di giugno e che prevede l'allestimento di stand per la degustazione enogastronomica degli ottimi prodotti locali.