Torna alla provincia di Livorno

Marciana

Foto © Wikipedia
Marciana

Marciana (C.A.P. 57030) dista 151,7 chilometri da Livorno, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Marciana conta 2.140 abitanti (Marcianesi) e ha una superficie di 45,15 chilometri quadrati per una densità abitativa di 47,40 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 375 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via S. Croce 34, tel. 0565 - 901215 fax. 0565 - 901076: l'indirizzo di posta elettronica è info@comune.marciana.li.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Marciana ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 2.244 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 2.140 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -4,63%.

Gli abitanti sono distribuiti in 934 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,29 componenti.

Foto © Wikipedia
Chiesa Madonna del Monte

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 187 e i 1.018 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 831 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 49 attività industriali con 136 addetti pari al 17,15% della forza lavoro occupata, 72 attività di servizio con 118 addetti pari al 14,88% della forza lavoro occupata, altre 145 attività di servizio con 466 addetti pari al 58,76% della forza lavoro occupata e 8 attività amministrative con 73 addetti pari al 9,21% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 793 individui, pari al 37,06% del numero complessivo di abitanti del comune.

Marciana sul versante settentrionale del monte Capanne.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di uva da vino e sul turismo estivo, potendo quest'ultimo contare su celebri località balneari, tra le quali quella di Procchio, e sulla presenza di numerose e qualificate strutture alberghiere.

Il nome della località deriva con tutta probabilià dal nome di persona latino "Marcius", al quale venne successivamente aggiunto il siffisso "-ana" indicante appartenenza.

Le prime tracce umane nella zona di Marciana risalgono all'Età del Bronzo, come dimostrano i numerosi ritrovamenti archeologici rinvenuti in zona, databili a tale periodo e oggi custoditi nel locale Museo Civico Archeologico.

Foto © Wikipedia
Chiesa San Liborio

I primi insediamenti abitativi vennero fondati in epoca romana e si consolidarono durante l'epoca dei Bizantini, i quali si insediarono nel territorio in seguito alla caduta dell'Impero Romano.

Dal IX secolo il borgo di Marciana appartenne al Vescovado di Pisa, che ne operò una massiccia opera di fortificazione per difenderlo dalle continue incursioni nemiche.

Per via della sua posizione geografica strategica nei pressi della costa che collega l'isola d'Elba alla Corsica, il borgo di Marciana venne a lungo conteso tra le città di Pisa e Piombino, subendo nel corso dei secoli le alternanti dominazioni di entrambe le città.

Con il declino della Repubblica di Pisa iniziato in seguito alla sconfitta subita nella battaglia della Meloria, il Principato di Piombino, retto dagli Appiano, si insediò al governo di Marciana.

Gli Appiano si adoperarono nella ristrutturazione e dell'ammodernamento delle antiche fortificazioni cosicchè il borgo di Marciana divenne uno dei capisaldi militari del Principato di Piombino lungo la costa occidentale dell'isola.

Ebbe inizio per il borgo un periodo di prosperità economica favorito dall'intervento di Donna Paola Colonna, moglie di Gherardo d'Appiano, alla quale si deve la ristrutturazione del borgo e la costruzione di nuovi edifici: venne data a Marciana anche la possibilità di coniare la propria moneta.

Nei secoli successivi gli Appiano dovettero fronteggiare il potere crescente della Repubblica di Firenze che aveva conquistato già parte dell'isola d'Elba. Quest'ultima venne divisa tra i Granduchi de' Medici, saliti al potere in Firenze, e gli Spagnoli.

Foto © Wikipedia
Chiesa di San Lorenzo

All'inizio dell'Ottocento Marciana subì l'invasione delle truppe francesi guidate da Napoleone Bonaparte che occuparono tutto il territorio dell'isola d'Elba e vi rimasero stanziati fino al 1814.

Quando l'occupazione francese si risolse, Marciana rientrò a far parte del Granducato di Toscana rimanendovi fino al 1861, quando venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Marciana citiamo qui il Santuario della Madonna del Monte, la Chiesa di Santa Caterina, la Fortezza di Marciana e il Museo Civico Archeologico.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Marciana segnaliamo qui la tradizionale "Sagra della Castagna" che si tiene annualmente alla fine del mese di ottobre presso la vicina località di Poggio e che prevede l'allestimento di stand enogastronomici per la degustazione degli prodoti tipici locali.