Torna alla provincia di Lucca

Pescaglia

Foto Wikipedia
Pescaglia

Pescaglia (C.A.P. 55064) dista 23,6 chilometri da Lucca, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Pescaglia conta 3.718 abitanti (Pescaglini) e ha una superficie di 70,42 chilometri quadrati per una densità abitativa di 52,80 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 504 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via Roma 2, tel. 0583 - 35401 fax. 0583 - 3540215: l'indirizzo di posta elettronica è comune.pescaglia@tin.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Pescaglia ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 3.762 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 3.718 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -1,17%.

Gli abitanti sono distribuiti in 1.423 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,61 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 73 e i 1.233 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 1.160 metri.

Foto Wikipedia
Il Municipio di Pescaglia

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 105 attività industriali con 649 addetti pari al 63,94% della forza lavoro occupata, 54 attività di servizio con 100 addetti pari al 9,85% della forza lavoro occupata, altre 74 attività di servizio con 181 addetti pari al 17,83% della forza lavoro occupata e 21 attività amministrative con 85 addetti pari al 8,37% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 1.015 individui, pari al 27,30% del numero complessivo di abitanti del comune.

Pescaglia sorge su uno sperone orientale delle Alpi Apuane.

L'economia locale si basa prevalentemente su attività industriali e segnatamente sull'industria cartaria. L'attività turistica è in crescente sviluppo grazie sia alla bellezza dei suoi paesaggi che alla architettura del suo centro urbano.

Numerose sono le ipotesi sull'etimologia del nome della località: secondo alcuni esso potrebbe derivare dal latino "piscalia", con il significato di "pescheria", secondo altri esso dovrebbe essere ricondotto al lucchese "persico", che significa "pesco" e secondo altri ancora esso potrebbe derivare dal latino "pascuum" con il significato di "pascolo".

La fondazione del borgo di Pescaglia risale al secolo XI, quando esso era sottoposto alla famiglia di origine longobarda dei Soffredinghi, la quale esercitò la propria guirisdizione sul borgo fino alla seconda metà del XIII secolo.

Foto Wikipedia
San Martino in Freddana

Nel 1272 la potente città di Lucca estese la propria influenza sul territorio di Pescaglia conquistando il borgo e inglobandolo nei propri possedimenti.

Il governo di Pescaglia venne allora inserito nel Vicariato di Coreglia e affidato alla famiglia locale degli Antelminelli, rimanendo comunque sotto l'influenza lucchese.

Tra il Trecento e il Quattrocento Pescaglia subì numerose invasioni in seguito alle quali Lucca decise di fortificarla mediante la costruzione di una cinta muraria per fronteggiare le ricorrenti incursioni nemiche.

Tuttavia nel 1440 la città di Firenze, che aveva iniziato la sua politica di espansione territoriale nella zona, conquistò anche il borgo di Pescaglia.

Nel 1470 Lucca riuscì a riassumere il controllo di Pescaglia che, nel 1602, venne elevata al rango di capoluogo di Vicaria lucchese, acquisendo un notevole prestigio e anche una propria autonomia, seppur ancora sotto l'influenza lucchese.

Alla fine dell'Ottocento la Toscana venne invasa dalle truppe francesi guidate da Napoleone Bonaparte, il quale costituì il Regno d'Etruria.

Foto Wikipedia
Chiesa San Pietro Apostolo

Nel 1806 il territorio di Pescaglia venne unificato a quello della vicina città di Camaiore, perdendo la propria autonomia e divenendo un Cantone del nuovo regno.

Dopo la caduta dell'Impero Napoleonico avvenuta nel 1814 Pescaglia venne inglobata nei possedimenti del comune di Lucca e solo nel 1837 la città riacquistò la propria autonomia comunale.

Nel 1861 Pescaglia venne annessa al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Pescaglia citiamo qui la Pieve di San Giovanni Battista, il Teatrino di Vetriano, il Museo di Puccini e il Museo del Castagno.

Tra le molteplici manifestazioni che si svolgono periodicamente a Pescaglia segnaliamo qui la tradizionale "Sagra della Patata" che si tiene annualmente nel mese di agosto e che offre ai partecipanti la possibilità di degustare pietanze tipiche della zona.