Torna alla provincia di Lucca

Piazza al Serchio

Foto © Comune di Piazza al Serchio
Piazza al Serchio

Piazza al Serchio (C.A.P. 55035) dista 62 chilometri da Lucca, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Piazza al Serchio conta 2.556 abitanti (Piazzino) e ha una superficie di 27,08 chilometri quadrati per una densità abitativa di 94,39 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 536 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via G Marconi 6, tel. 0583 - 696200 fax. 0583 - 60438: l'indirizzo di posta elettronica è piazza@mclink.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Piazza al Serchio ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 2.665 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 2.556 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -4,09%.

Gli abitanti sono distribuiti in 924 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,77 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 437 e i 1.475 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 1.038 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 63 attività industriali con 237 addetti pari al 32,96% della forza lavoro occupata, 76 attività di servizio con 166 addetti pari al 23,09% della forza lavoro occupata, altre 68 attività di servizio con 209 addetti pari al 29,07% della forza lavoro occupata e 26 attività amministrative con 107 addetti pari al 14,88% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 719 individui, pari al 28,13% del numero complessivo di abitanti del comune.

Foto © Comune di Piazza al Serchio
Piazza al Serchio

Piazza al Serchio sorge nel territorio della Garfagnana, in prossimità dell'alto bacino del fiume Serchio.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di cereali, ortaggi, frutta e sull'attività di numerose industrie operanti nei settori dell'abbigliamento e della produzione di materiali da costruzione.

Il nome della località deriva dal composto di "piazza", con probabile riferimento a uno "spiazzo" o a un luogo di "mercato", e della specificazione "al Serchio", con riferimento all'ubicazione della città nell'alto bacino dell'omonimo fiume.

Le prime tracce umane nella zona di Piazza al Serchio risalgono con tutta probabilità a epoca preromana, tuttavia i primi insediamenti abitativi stanziali si formarono in epoca longobarda, come dimostrano i numerosi reperti archeologici rinvenuti in zona e databili a tale periodo.

Sin dall'Alto Medioevo il borgo di Piazza al Serchio si sviluppò e consolidò grazie alla sua posizione geografica strategica, al confine tra Toscana, Emilia e Liguria e vicino a numerosi corsi d'acqua.

In quel periodo il Vescovado di Lucca impose il proprio dominio sul territorio. Successivamente il borgo venne annesso ai possedimenti della Repubblica di Lucca.

Durante la dominazione lucchese Piazza al Serchio continuò nel suo periodo di floridezza economica e di crescita demografica, già iniziati nel Medioevo.

Nel corso del XIII secolo il borgo di Piazza al Serchio divenne ambito dalle potenti città del tempo che se lo contesero invano poichè esso restò fedele al potere lucchese. La contesa coinvolse la Repubblica di Pisa, quella di Firenze e il Ducato di Modena, retto dagli Estensi di Ferrara.

Foto © Comune di Piazza al Serchio
Ponte Piazza Bassa

Per un breve periodo la Repubblica di Lucca riuscì a porre fine ai tentativi di conquista delle località vicine, tuttavia all'inizio del XVIII secolo la famiglia ferrarese degli Estensi riuscì a imporre la sua supremazia sul borgo di Piazza al Serchio.

Quest'ultimo venne pertanto annesso ai possedimenti del Ducato di Modena e inserito nella Diocesi di Luni.

Il periodo della dominazione estense si protrasse fino all'inizio del secolo successivo, quando il territorio venne invaso dalla truppe napoleoniche che ivi rimansero stanziate fino al 1814.

Dopo l'occupazione francese, il borgo di Piazza al Serchio ritornò nelle mani degli Estendi che lo governarono fino alla sua annessione al Regno d'Italia avvenuta nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Piazza al Serchio citiamo qui la Chiesa di Piazza al Serchio, la Chiesa di Santa Maria Assunta a Borsigliana, la Chiesa di San Biagio a Petrognano, la Chiesa di Sant'Anastasio e i resti del borgo medievale.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Piazza al Serchio segnaliamo la "Fiera di San Pietro" che si svolge annualmente nella domenica più vicina al 28 del mese di giugno e durante la quale è possibile degustare i migliori piatti tipici della zona, cucinati secondo le antiche ricette tradizionali.