Torna alla provincia di Lucca

Seravezza

Foto Wikipedia
Seravezza

Seravezza (C.A.P. 55047) dista 40,3 chilometri da Lucca, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Seravezza conta 12.575 abitanti (Seravezzini) e ha una superficie di 39,37 chilometri quadrati per una densità abitativa di 319,41 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 50 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via XXIV Maggio 22, tel. 0584 - 757711 fax. 0584 - 7571808: l'indirizzo di posta elettronica è sindaco@comune.seravezza.lucca.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Seravezza ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 12.731 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 12.575 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -1,23%.

Gli abitanti sono distribuiti in 4.985 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,52 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 1 e i 1.589 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 1.588 metri.

Foto Wikipedia
Seravezza

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 129 attività industriali con 796 addetti pari al 27,29% della forza lavoro occupata, 359 attività di servizio con 698 addetti pari al 23,93% della forza lavoro occupata, altre 464 attività di servizio con 864 addetti pari al 29,62% della forza lavoro occupata e 67 attività amministrative con 559 addetti pari al 19,16% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 2.917 individui, pari al 23,20% del numero complessivo di abitanti del comune.

Seravezza sorge ai piedi di uno sperone delle Alpi Apuane, alla confluenza dei fiumi Serra e Vezza.

L'economia locale si basa prevalentemente sull'estrazione, sulla lavorazione e sul commercio del marmo, potendo contare sui ricchi giacimenti marmiferi presenti nel territorio.

La nascita e il consolidamento del borgo di Seravezza avvenne in epoca medievale. Il nome della località venne infatti citato per la prima volta in un documento ufficiale del 952 come "Sala Vetitia" e solo successivamente assunse la denominazione attuale.

Seravezza deriva il suo nome da un composto di "Sera" e di "Vetizza", essendo quest'ultimo un nome di persona di origine longobarda.

La storia di Seravezza è legata alle vicende dei nobili di Corvaia e Vallecchia, i quali esercitarono a lungo la propria giurisdizione sul borgo. La rivalità delle due famiglie con la città di Lucca causò numerosi assedi da parte di quest'ultima.

Foto Wikipedia
Palazzo Mediceo

Fino all'inizio del Cinquecento Seravezza subì anche occupazioni e distruzioni da parte di truppe straniere.

Durante il XVI secolo iniziò la fiorente attività di estrazione e lavorazione del marmo estratto nelle montagne vicine, che si protrasse a lungo alternando periodi floridi a periodi di declino dell'attività stessa.

Dalla metà del XVI secolo Seravezza si trovò sottoposta alla giurisdizione della città di Firenze, la quale incentivò lo sfruttamento delle cave di marmo, che in quel periodo raggiunse il massimo livello di attività, tanto da richiamare nella città di Seravezza numerosi sculturi in cerca del cosiddetto "bianco statuario", un calcare bianco privo di impurità.

Il celebre Michelangelo Buonarroti (1475-1564) si recò a Seravezza su richiesta di Papa Leone X per acquistare il marmo da utilizzare nella costruzione della Chiesa di San Lorenzo di Firenze. Durante la sua permanenza triennale l'artista costruì una strada anch'essa in marmo, che collegò le cave di marmo al mare.

Foto Wikipedia
Seravezza

La dominazione fiorentina si protrasse fino all'inizio del Settecento, quando ai Granduchi de' Medici successero i Duchi di Lorena. In quel periodo l'attività marmifera subì una battuta d'arresto per poi riprendersi e accrescersi notevolmente all'inizio dell'Ottocento, quando nacquero anche le prime industrie per la lavorazione industriale del materiale marmifero.

Nel 1861 Seravezza venne annessa al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Seravezza citiamo qui il Duomo, l'Oratorio dell'Annunziata, la Pieve di San Martino (Località La Cappella) e il Palazzo Mediceo.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono annualmente a Seravezza segnaliamo qui la "Festa di San Lorenzo" che si tiene il 10 di agosto. Oltre alla funzione religiosa celebrata al Duomo, viene allestita una fiera e nella sera del 9 viene acceso un falò nei pressi della confluenza dei vicini fiumi.