Torna alla provincia di Prato

Cantagallo

Foto © Comune di Cantagallo
Cantagallo

Cantagallo (C.A.P. 59025) dista 29,7 chilometri da Prato, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Cantagallo conta 2.813 abitanti (Cantagallesi) e ha una superficie di 95,03 chilometri quadrati per una densità abitativa di 29,60 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 423 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via Luicciana 1 1, tel. 0574 - 95681 fax. 0574 - 956838: l'indirizzo di posta elettronica è cantagallo@comune.cantagallo.po.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Cantagallo ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 2.536 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 2.813 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 10,92%.

Gli abitanti sono distribuiti in 1.123 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,50 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 300 e i 650 metri sul livello del mare.

Foto © Comune di Cantagallo
Chiesa di San Biagio

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 350 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 115 attività industriali con 792 addetti pari al 79,60% della forza lavoro occupata, 47 attività di servizio con 78 addetti pari al 7,84% della forza lavoro occupata, altre 41 attività di servizio con 91 addetti pari al 9,15% della forza lavoro occupata e 28 attività amministrative con 34 addetti pari al 3,42% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 995 individui, pari al 35,37% del numero complessivo di abitanti del comune.

Cantagallo sorge in posizione elevata nell'alta valle del fiume Bisenzio, circondato dalle colline dell'Appennino Tosco-Emiliano.

L'economia locale si basa esclusivamente sulla viticoltura e sul turismo, potendo quest'ultimo contare sulla bellezza dei paesaggi e su numerose strutture alberghiere qualificate.

Il nome della località è un composto che deriva dall'espressione "canta, oh gallo".

Il borgo di Cantagallo si sviluppò nel corso del Medioevo sotto la giurisdizione di alcuni feudatari locali legati ai Conti di Vernio.

Le prime notizie storiche certe risalgono al XIII secolo, quando il borgo si trovò al centro di un'aspra contesa tra gli abitanti stessi e i monaci della vicina località di Vallombrosa.

Nel 1271 Cantagallo divenne comune autonomo, dotandosi di propri statuti.

Per la sua posizione isolata tra rilievi montuosi il borgo non subì gli sconvolgenti eventi storici che interessarono la Toscana e parimenti non godette dei privilegi dei quali usufruirono altri centri limitrofi.

Foto © Comune di Cantagallo
Riserva Naturale Acquerino

Fino al XIV secolo il comune di Cantagallo venne ripetutamente diviso e posto sotto la giurisdizione di differenti famiglie di feudatari, tra i quali emerse quella dei Conti Alberti di Prato, che esercitarono una diretta influenza su Cantagallo tramite anche alcuni vassalli dei Conti stessi.

All'inizio del XV secolo il territorio del vicino borgo di Luicciana venne unito a quello di Cantagallo, divenendo quest'ultimo sede di Podesteria.

Successivamente la podesteria di Cantagallo venne unita a quella di Montale cosicchè il borgo perse la sua autonomia comunale.

A metà del XVI secolo Cantagallo entrò a far parte dei possedimenti della Repubblica di Firenze, passando dapprima sotto la dominazione dei Granduchi de' Medici e successivamente sotto quella dei Duchi di Lorena.

In età granducale l'economia locale ricevette un notevole impulso grazie alla riforme messe in atto dai Lorena miranti a un sempre maggiore sviluppo economico e all'ammodernamento dell'abitato.

Foto © Comune di Cantagallo
Chiesa Sant'Agostino

All'inizio del XIX secolo il territorio di Cantagallo venne invaso dalle truppe francesi al seguito di Napoleone Bonaparte, che ivi rimasero stanziate fino al 1814, anno in cui l'occupazione francese si risolse.

Nel 1861 Cantagallo venne annessa al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Cantagallo citiamo qui la Chiesa di San Biagio, la Rocca di Cerbaia e la "Riserva Naturale Acquerino".

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Cantagallo segnaliamo qui la tradizionale "Montagna in Festa" che si svolge annualmente nel mese di luglio presso la vicina località di Luicciana e durante la quale si svolgono manifestazioni folcloristiche con possibilità di degustazioni gastronomiche degli ottimi prodotti tipici locali.