Torna alla provincia di Prato

Vaiano

Foto Wikipedia
Vaiano

Vaiano (C.A.P. 59021) dista 11 chilometri da Prato, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Vaiano conta 9.048 abitanti (Vaianesi) e ha una superficie di 34,23 chilometri quadrati per una densità abitativa di 264,33 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 150 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Del Comune, tel. 0574 - 94241 fax. 0574 - 942439: l'indirizzo di posta elettronica è a.marchi@comune.vaiano.po.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Vaiano ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 8.848 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 9.048 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 2,26%.

Gli abitanti sono distribuiti in 3.309 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,73 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 121 e i 358 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 237 metri.

Foto Wikipedia
Badia di San Salvatore

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 467 attività industriali con 2.247 addetti pari al 64,85% della forza lavoro occupata, 175 attività di servizio con 375 addetti pari al 10,82% della forza lavoro occupata, altre 182 attività di servizio con 547 addetti pari al 15,79% della forza lavoro occupata e 53 attività amministrative con 296 addetti pari al 8,54% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 3.465 individui, pari al 38,30% del numero complessivo di abitanti del comune.

Vaiano sorge lungo la valle del fiume Bisenzio.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di cereali, uva da vino, olive, sull'allevamento del bestiame, sull'attività di numerose industrie operanti nei settori tessili e anche sul turismo, grazie sia alla bellezza dei paesaggi e dei monumenti che alla presenza di numerose e qualificate strutture alberghiere.

Il nome della località deriva con tutta probabilità dal nome proprio di persona "Varius", al quale venne aggiunto il suffisso "-anus" indicante appartenenza.

I primi insediamenti sul territorio di Vaiano risalgono all'epoca romana, come dimostrano i numerosi reperti archeologici rinvenuti in zona e databili a tale epoca.

Foto Wikipedia
Chiesa San Martino

Il borgo si consolidò tuttavia nelle sue forme attuali solo durante il X secolo, sviluppandosi intorno a una badia costruita precedentemente e dedicata a San Salvatore, posta sotto la giurisdizione della città di Prato.

Grazie all'influenza del monastero, il borgo di Vaiano sviluppò la sua economia incentrandola sulle coltivazioni agrarie e sullo sfruttamento delle risorse boschive.

Nel corso dei secoli successivi, per via della sua posizione al confine con i possedimenti feudali della potente famiglia dei Conti Alberti, la popolazione decise di munire il borgo di proprie fortificazioni.

Nello stesso periodo la popolazione iniziò a sviluppare nuove attività economiche e, grazie alla vicinanza con il fiume Bisenzio, nacquero i primi mulini e le prime botteghe per la lavorazione tessile lungo le rive dello stesso fiume.

A metà del XVI secolo Vaiano entrò a far parte dei possedimenti della Repubblica di Firenze, trovandosi dapprima sotto l'influenza dei Granduchi de' Medici e successivamente sotto quella dei Duchi di Lorena.

In epoca granducale l'economia locale ricevette un ulteriore impulso grazie alla riforme messe in atto dai Lorena, miranti a un sempre maggiore sviluppo economico.

Foto Wikipedia
Chiesa Santi Giusto e Clemente

All'inizio del XIX secolo il territorio di Vaiano venne invaso dall'esercito francese guidato da Napoleone Bonaparte, che ivi rimasero stanziate fino al 1814, anno in cui l'occupazione si risolse.

Nel 1861 Vaiano venne annessa al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti si maggiore rilievo a Vaiano citiamo qui la Badia di San Salvatore, il Museo della Badia di Vaiano "Agnolo Firenzuola" e le Ville.

La città di Vaiano ha dato i natali al celebre scultore Lorenzo Bartolini (1777-1850), chiamato anche il "Fidia Toscano".

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Vaiano segnaliamo la tradizionale "Sagra del Tortello" che si tiene annualmente nel mese di giugno e durante la quale è possibile gustare i tortelli (il tortello è un involucro di pasta, di forma varia, ripieno) preparati in modi differenti secondo le antiche ricette tradizionali.