Torna alla provincia di Pistoia

Cutigliano

Foto © Annette Lacroix Cutigliano

Cutigliano (C.A.P. 51024) dista 37,1 chilometri da Pistoia, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Cutigliano conta 1.699 abitanti (Cutiglianesi) e ha una superficie di 43,79 chilometri quadrati per una densità abitativa di 38,80 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 678 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Umberto I 1, tel. 0573 - 68881 fax. 0573 - 68386: l'indirizzo di posta elettronica è segretario@cutigliano.cosea.pt.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Cutigliano ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 1.827 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 1.699 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -7,01%.

Gli abitanti sono distribuiti in 737 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,31 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 543 e i 1.937 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 1.394 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 56 attività industriali con 178 addetti pari al 30,80% della forza lavoro occupata, 61 attività di servizio con 103 addetti pari al 17,82% della forza lavoro occupata, altre 79 attività di servizio con 239 addetti pari al 41,35% della forza lavoro occupata e 49 attività amministrative con 58 addetti pari al 10,03% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 578 individui, pari al 34,02% del numero complessivo di abitanti del comune.

Cutigliano sorge su uno sperone nell'alta Val di Lima.

L'economia locale si basa sull'allevamento e sulla pastorizia oltre che sull'attività di industrie tessili e di aziende dedite alla produzione di oggetti d'artigianato. La località è inoltre rinomata per il turismo invernale grazie alle sue bellissime piste sciistiche e alle sue numerose e qualificate strutture alberghiere.

Il nome della località deriva con tutta probabilità dal nome proprio di persona latino "Cutilius" o "Acutilius".

Il borgo di Cutigliano si sviluppò durante l'Alto Medioevo come luogo di sosta lungo la strada dell'Alpe alla Croce che collegava il territorio alla città di Modena e andò consolidandosi nel corso del Medioevo sotto l'influenza della vicina località di Lizzano.

Verso la fine del XIV secolo, dopo aver fronteggiato gli assedi perpetrati dapprima dal condottiero Castruccio Castracani e successivamente da alcuni ribelli, il borgo passò sotto la giurisdizione della città di Pistoia che ne fece sede del Capitanato della Montagna.

Il Capitanato comprese anche le vicine località di Lizzano, San Marcello, Popiglio, Piteglio, Gavignana e Mammiano e ebbe il compito di governare i sette comuni e al tempo stesso di presidiare la zona e assicurarsi dell'efficienza delle fortificazioni erette precedentemente.

Nel 1377 venne costruito il Palazzo Pretorio che ospitò i capitani che si avvicendarono al controllo del Capitanato della Montagna.

Dal XV secolo ebbe inizio una contesa tra la potente città di Firenze che intendeva far valere i propri diritti sul territorio e quella di Pistoia che su Cutigliano esercitava la propria influenza. Tale disputa si concluse con la conquista fiorentina di Pistoia e dei suoi possedimenti tra i quali anche Cutigliano.

Nel 1537 salirono al potere i Granduchi de' Medici che, assicurando al borgo una certa stabilità politica, ne favorirono il suo sviluppo economico.

Nel Settecento l'avvento al potere dei Duchi di Lorena diede maggiore impulso all'economia locale grazie all'attuazione delle cosiddette riforme leopoldine, che favorirono l'estensione dei terreni coltivabili, si ebbe un ulteriore sviluppo dell'agricoltura.

La politica lorenese si rivolse anche alla riqualificazione dell'impianto urbano come pure alla ristrutturazione degli antichi edifici cittadini, tra i quali il trecentesco Palazzo Pretorio che fu oggetto di modifiche strutturali.

La dominazione lorenese si protrasse quasi ininterrottamente fino al 1861, anno in cui la città di Cutigliano venne annessa al Regno d'Italia dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Cutigliano citiamo qui la Chiesa della Madonna di Piazza, la Chiesa di San Bartolomeo e il Palazzo Pretorio.

La città di Cutigliano ha dato i natali alla poetessa Maria Beatrice Bugelli (1802-1885).

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Cutigliano segnaliamo qui la suggestiva "Festa Medievale" che si tiene annualmente il 30 del mese di luglio e che prevede lo svolgimento di un corteo storico in costumi medievali e l'allestimento di botteghe e banchetti che rievocano usi e costumi dell'epoca.