Torna alla provincia di Pistoia

Montale

Foto © Wikipedia
Montale

Montale (C.A.P. 51037) dista 9,6 chilometri da Pistoia, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Montale conta 10.133 abitanti (Montalesi) e ha una superficie di 32,02 chilometri quadrati per una densità abitativa di 316,46 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 85 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via Gramsci 19, tel. 0573 - 9521 fax. 0573 - 55001: l'indirizzo di posta elettronica è comune@comune.montale.pt.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Montale ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 9.807 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 10.133 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 3,32%.

Gli abitanti sono distribuiti in 3.480 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,91 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 43 e i 1.042 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 999 metri.

Foto © Wikipedia
Castello della Smilea

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 578 attività industriali con 2.697 addetti pari al 65,64% della forza lavoro occupata, 201 attività di servizio con 556 addetti pari al 13,53% della forza lavoro occupata, altre 196 attività di servizio con 634 addetti pari al 15,43% della forza lavoro occupata e 46 attività amministrative con 222 addetti pari al 5,40% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 4.109 individui, pari al 40,55% del numero complessivo di abitanti del comune.

Montale sorge nella bassa valle del torrente Agna.

L'economia locale si basa prevalentemente sulla produzione di cereali, ortaggi, frutta, uva da vino, olive e sull'attività di numerose industrie operanti nei settori tessile e della produzione di mobili.

Il nome della località deriva dal termine "monte", con riferimento alla posizione elevata nella quale la città sorge.

Foto © Wikipedia
Monumento ai Caduti

Il borgo di Montale venne fondato dalla città di Pistoia come luogo fortificato per contrastare il potere dei Conti Guidi nella zona. Questi ultimi si erano precedentemente insediati nella vicina località di Montemurlo e da lì muovevano alla conquista di nuove terre.

Successivamente il borgo di Montale passò dapprima sotto la giurisdizione della signoria dei Cancellieri per essere conquistato in seguito dalla Repubblica di Firenze che in quegli anni aveva intrapreso la sua politica di espansione territoriale.

Dopo un lungo assedio al castello di Montale operato dai Fiorentini, il borgo cadde nelle mani di Firenze che ne operò prontamente la ricostruzione delle fortificazioni.

In quegli anni ebbe origine un altro nucleo abitato intorno a quello già esistente e che si pose sotto la protezione della Repubblica di Firenze. I due borghi vennero uniti e elevati al rango di podesteria del contado fiorentino.

Nel corso del XV secolo l'intera zona attraversò un periodo di guerre civili che coinvolsero tutti i borghi che si trovarono costretti a schierarsi a sostegno della famiglia dei Panciatichi o di quella dei Cancellieri.

Foto © Wikipedia
Montale

Il clima bellicoso si protrasse a lungo terminando definitivamente solo nel secolo successivo con l'avvento al potere dei Granduchi de' Medici, i quali riuscirono a pacificare con le armi il territorio.

All'inizio del XVIII secolo, alla morte dell'ultimo discendente diretto del casato mediceo, i Duchi di Lorena salirono al potere. Essi nel 1775 elevarono Montale al rango di comune autonomo.

La dominazione lorenese si protrasse quasi ininterrottamente fino al 1861, anno in cui avvenne l'Unità d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Montale citiamo qui la Pieve di San Giovanni Evangelista, l'Abbazia di San Salvatore, la Parrocchiale di Montale e i resti del Castello.

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Montale segnaliamo il "Torneo dei Rioni" che si svolge annualmente per tutto il mese di luglio e che prevede lo svolgimento di un torneo di calcetto al quale prendono parte i quattro rioni in cui la città si trova divisa e anche altre località limitrofe. Il torneo è animato anche da spettacoli di intrattenimento.