Torna alla provincia di Siena

Chiusi

Foto © Giani Gianfranco Piazza Duomo

Chiusi (C.A.P. 53043) dista 85,3 chilometri da Siena, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Chiusi conta 8.125 abitanti (Chiusini) e ha una superficie di 58,08 chilometri quadrati per una densità abitativa di 139,89 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 398 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza XX Settembre 1, tel. 0578 - 22361 fax. 0578 - 227864: l'indirizzo di posta elettronica è sindaco@comune.chiusi.siena.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Chiusi ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 9.103 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 8.125 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -10,74%.

Gli abitanti sono distribuiti in 3.336 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,44 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 248 e i 419 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 171 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 187 attività industriali con 999 addetti pari al 26,04% della forza lavoro occupata, 282 attività di servizio con 862 addetti pari al 22,47% della forza lavoro occupata, altre 306 attività di servizio con 1.319 addetti pari al 34,38% della forza lavoro occupata e 41 attività amministrative con 657 addetti pari al 17,12% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 3.837 individui, pari al 47,22% del numero complessivo di abitanti del comune.

Chiusi sorge su una collina al margine meridionale della Valdichiana.

L’economia di Chiusi si basa prevalentemente sull’agricoltura ma è attiva anche nella produzione industriale di complementi d'arredamento e di materiali da costruzione.

La città di Chiusi deriva il suo nome dal latino "Clusium" che è un adattamento del nome etrusco "Clevsin", risalente all'epoca della sua fondazione ad opera della civiltà etrusca.

Tra il VII e il V secolo A. C. Chiusi raggiunse il suo massimo splendore sotto la dominazione del re Porsenna e nel 351 A. C. occupata dai romani divenne una importante stazione militare romana prendendo il nome di Clusium.

Al tempo della dominazione romana Chiusi ebbe una grande importanza poichè nel suo territorio fu fatta passare l’antica Via Cassia che permise lo sviluppo di una fiorente attività commerciale. Dello stesso periodo è la costruzione di una fortezza, di cui oggi è possibile ammirare i resti.

Dopo la caduta dell'Impero Romano Chiusi divenne sede del Ducato longobardo ma intorno all'anno mille iniziò una fase di declino economico e demografico dovuta al progressivo estendersi delle paludi in Valdichiana e alle conseguenti epidemie malariche.

Foto © Giani Gianfranco Particolare del Duomo

Nel corso dei secoli successivi la città fu teatro degli scontri tra le potenti città di Firenze e di Siena, scontri che si protrassero fin al 1415, anno in cui Chiusi entrò a far parte della Repubblica Senese.

La fase di declino di Chiusi iniziata nel secolo XI perdurò fino all'avvento al potere della Repubblica Fiorentina nel XVI secolo.

Nel 1556 la città venne annessa ai domini della famiglia fiorentina de' Medici che avviò, sotto il granducato di Cosimo I de' Medici, i lavori per la bonifica del territorio che giovarono a risollevare l'economica del luogo e si conclusero nell'Ottocento con la bonifica di tutta la valle.

Durante la dominazione fiorentina Chiusi fu interessata anche da un'importante opera di riqualificazione urbana che riguardò la ristrutturazione degli edifici antichi e l'aggiunta di nuovi elementi architettonici e decorativi.

Il controllo di Firenze sulla città di Chiusi si protrasse fino all'Unità d'Italia avvenuta nel 1861 ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Chiusi citiamo qui il Duomo, la Chiesa di San Francesco, la Chiesa di Santa Maria della Morte, il Palazzo vescovile, il Museo della Cattedra, i resti della Fortezza, i Sepolcri Etruschi e il Labirinto di Porsenna.

Tra i numerosi eventi che si svolgono periodicamente nella città di Chiusi segnaliamo la festa di "Ruzzi della Conca" che si tiene il primo sabato di settembre dal 1891. La festa prevede una corsa di maiali e il tradizionale "gioco della palla al bracciale".