Torna alla provincia di Siena

Montepulciano

Foto © Editori dell'Acero Montepulciano

Montepulciano (C.A.P. 53045) dista 63,9 chilometri da Siena, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Montepulciano conta 13.870 abitanti (Montepulcianesi o Poliziani) e ha una superficie di 165,51 chilometri quadrati per una densità abitativa di 83,80 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 605 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Grande 1, tel. 0578 - 7121 fax. 0578 - 757355: l'indirizzo di posta elettronica è urp@comune.montepulciano.si.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Montepulciano ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 13.856 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 13.870 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 0,10%.

Gli abitanti sono distribuiti in 5.375 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,58 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 245 e i 706 metri sul livello del mare.

Foto © Editori dell'Acero Madonna di San Biagio

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 461 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 428 attività industriali con 1.561 addetti pari al 33,18% della forza lavoro occupata, 377 attività di servizio con 713 addetti pari al 15,15% della forza lavoro occupata, altre 402 attività di servizio con 1.210 addetti pari al 25,72% della forza lavoro occupata e 95 attività amministrative con 1.221 addetti pari al 25,95% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 4.705 individui, pari al 33,92% del numero complessivo di abitanti del comune.

Montepulciano sorge sulla dorsale collinare che si estende tra la Valdichiana e la Val d'Orcia.

L'economia della città si basa prevalentemente sull'agricoltura e sulla viti-vinicoltura con la produzione del celebre "Vino Nobile di Montepulciano". Assai importante è anche il turismo, favorito dalla bellezza naturalistica del paesaggio collinare caratterizzato da una fitta vegetazione boschiva.

Foto © Editori dell'Acero Palazzo Comunale

Montepulciano deriva il suo nome dall'unione di "Monte" e del termine latino "Policiano" con il significato collettivo di "rustico" successivamente diventato "Pulciano".

I primi insediamenti nella zona di Montepulciano risalgono all'epoca degli Etruschi ma la città è citata ufficialmente per la prima volta in un documento del 715 con specifico riferimento a un castello e a una pieve titolata a Santa Maria siti nella zona.

Nell'Alto Medioevo il borgo formatosi precedentemente venne fortificato mediante la costruzione di una cinta muraria.

Nel corso del XII secolo l'assetto urbano andò consolidandosi e nel 1157 venne eretta una nuova cerchia di mura.

Alla fine del XII secolo iniziarono i conflitti tra le potenti città di Siena e Firenze che si contesero il possesso della città di Montepulciano che, situata in una felice posizione, avrebbe assicurato a chi se ne fosse impadronito, il controllo sulla Valdichiana e sulla Val d'Orcia.

Nel 1232 i Senesi assediarono Montepulciano distruggendone le mura e la rocca, che successivamente vennero ricostruite includendovi i borghi limitrofi.

Dal XIII al XV secolo si alternarono alla guida di Montepulciano le due repubbliche avversarie, nel frattempo gli abitanti del borgo iniziarono a sviluppare la loro economia basata sulla produzione e il commercio di guado e zafferano.

Foto © Editori dell'Acero Palazzo Tarugi e Palazzo Contucci

Nel 1404 venne stipulato tra le due città di Siena e Firenze un trattato di pace che sancì la definitiva sottomissione di Montepulciano a Firenze.

Durante la dominazione fiorentina fu avviata una grande opera di riqualificazione urbana che interessò tutti gli edifici civili, religiosi e militari e anche la sistemazione degli assi viari principali.

Nel 1561 Montepulciano venne eretta a sede vescovile e successivamente innalzata al rango di città.

I lavori di sistemazione dell'impianto urbano si protrassero a lungo anche sotto la dominazione lorenese che iniziò verso la metà del XVIII secolo e si protrasse fino agli inizi del XIX secolo, e che puntò alla costruzione di importanti edifici religiosi e di un teatro oggi noto con il nome di "Teatro Poliziano".

Nel 1844 venne costruita la linea ferroviaria di fondovalle che favorì l'incremento delle attività commerciali e lo spostamento del centro produttivo a valle.

Nel 1861 Montepulciano venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore interesse a Montepulciano citiamo qui il Duomo, la Chiesa di Sant'Agnese, la Chiesa di San Biagio, la Chiesa di San Francesco, il Palazzo Avignonesi, il Teatro Poliziano e la Fortezza.

La città di Montepulciano ha dato i natali al poeta e filologo Angelo Ambrogini, detto "il Poliziano" (1454-1494).

Tra le innumerevoli manifestazioni che si svolgono periodicamente a Montepulciano segnaliamo la tradizionale "Fiera delle tre Berte" che si tiene nel mese di maggio e che prevede una esposizione di prodotti e macchinari agricoli, durante la quale è possibile degustare i prodotti gastronomici e i vini tipici della zona.