Torna alla provincia di Livorno

Livorno

Livorno (C.A.P. 57100) è la città capoluogo della omonima provincia.

Foto © Editori dell'Acero La Cattedrale

Livorno conta 148.143 abitanti (Livornesi) e ha una superficie di 104,1 chilometri quadrati per una densità abitativa di 1.423,08 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 3 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza del Municipio 1, tel. 0586 - 820111 fax. 0586 - 820444: l'indirizzo di posta elettronica è segnalazioni@comune.livorno.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Livorno ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 167.512 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 148.143 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al -11,56%.

Gli abitanti sono distribuiti in 58.868 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,52 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 1 e i 462 metri sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 461 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 1.659 attività industriali con 7.853 addetti pari al 14,74% della forza lavoro occupata, 3.821 attività di servizio con 9.622 addetti pari al 18,07% della forza lavoro occupata, altre 4.120 attività di servizio con 28.025 addetti pari al 52,62% della forza lavoro occupata e 393 attività amministrative con 7.762 addetti pari al 14,57% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 53.262 individui, pari al 35,95% del numero complessivo di abitanti del comune.

Livorno sorge nella parte meridionale della pianura alluvionale del fiume Arno.

Foto © Editori dell'Acero Piazza della Repubblica

L'economia di Livorno si basa in modo significativo sulle attività commerciali del porto, il maggiore della regione, e sulle industrie cantieristiche, metalmeccaniche, siderurgiche e chimiche. Rilevanti sono anche la lavorazione artistica dell'alabastro, di oggetti in vimini, di ceramiche, di oreficeria e la riproduzione artigianale di armi medievali.

Livorno è anche una rinomata località balneare, caratteristica per la bellezza del litorale e i colori delle colline che la circondano.

Dei primi insediamenti etruschi nella città si conosce poco: Livorno deriverebbe il suo nome da un nome di persona etrusco.

La città di Livorno ha origine da un castello dato in feudo dall'impero a dei nobili locali intorno al X secolo. Con la vittoria di Pisa su Livorno, nella battaglia di Meloria avvenuta nel 1284, i livornesi dovettero sottomettersi ai pisani.

I Pisani dotarono successivamente la città di un efficiente porto allorchè quello di Pisa iniziò ad interrarsi e la potenziarono attraverso costruzioni fortificate.

Livorno passò per un breve periodo dai Pisani ai Genovesi e nel 1421 fu venduta alla Repubblica fiorentina diventando, sotto il granducato di Cosimo I de' Medici, il più importante porto toscano.

Nel 1575 Francesco I de' Medici, successore di Cosimo I de' Medici, iniziò l'ingrandimento del porto e la ristrutturazione completa dell'abitato. La realizzazione del piano urbanistico venne affidata a Bernardo Buontalenti (1536-1608).

I lavori proseguirono per decenni, finchè Ferdinando I de' Medici decise di trasformare una parte della città in una grande fortezza: la Fortezza Nuova.

Foto © Editori dell'Acero Monumento dei quattro mori

In meno di un secolo Livorno diventò un importante città toscana per numero di abitanti e principale porto del Tirreno, affermandosi in tutto il Mediterraneo per il commercio e come scalo principale dei traffici inglesi e olandesi tra Europa e Oriente.

Nel 1629, la città venne ampliata a nord verso il mare con tecniche ispirate a quelle veneziane: di qui il nome del nuovo quartiere edificato, Venezia Nuova.

Occupata dai francesi nel 1795, Livorno rimase annessa all'impero napoleonico fino al 1814.

Nella prima metà dell'800 vi fu un forte incremento demografico che determinò l'espansione del nucleo urbano lungo l'asse nord-sud.

Nel 1861 la città venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia..

Tra i monumenti di maggior rilievo a Livorno segnaliamo qui il Duomo, il monumento dei Quattro Mori, la Fortezza, la Torre del Fanale, la Villa Fabbricotti e l'Accademia Navale sorta nel 1881.

Livorno è la città natale di Carlo Bini (1806-1842), il celebre scrittore al quale Giuseppe Mazzini affidò la diffusione del programma della "Giovine Italia", un'associazione segreta repubblicana, in Toscana.

Tra gli eventi che periodicamente si tengono a Livorno segnaliamo la tradizionale festa Effetto Venezia che si svolge ogni anno tra la fine di luglio e l'inizio di agosto nel caratteristico quartiere settecentesco detto "Venezia Nuova".