Torna alla provincia di Livorno

Rosignano Marittimo

Foto Wikipedia
Rosignano Marittimo

Rosignano Marittimo (C.A.P. 57016) dista 52,6 chilometri da Livorno, capoluogo della omonima provincia cui il comune appartiene.

Rosignano Marittimo conta 30.558 abitanti (Rosignanesi) e ha una superficie di 120,26 chilometri quadrati per una densità abitativa di 254,10 abitanti per chilometro quadrato. Sorge a 147 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Via dei Lavoratori 21, tel. 0586 - 724111 fax. 0586 - 724262: l'indirizzo di posta elettronica è diritti-rosi@comune.rosignano.livorno.it.

Cenni anagrafici: Il comune di Rosignano Marittimo ha fatto registrare nel censimento del 1991 una popolazione pari a 30.021 abitanti. Nel censimento del 2001 ha fatto registrare una popolazione pari a 30.558 abitanti, mostrando quindi nel decennio 1991 - 2001 una variazione percentuale di abitanti pari al 1,79%.

Gli abitanti sono distribuiti in 13.421 nuclei familiari con una media per nucleo familiare di 2,28 componenti.

Cenni geografici: Il territorio del comune risulta compreso tra i 109 e i 378 metri sul livello del mare.

Foto Wikipedia
Museo Rosignano Marittimo

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 269 metri.

Cenni occupazionali: Risultano insistere sul territorio del comune 175 attività industriali con 2.166 addetti pari al 24,48% della forza lavoro occupata, 727 attività di servizio con 1.644 addetti pari al 18,58% della forza lavoro occupata, altre 961 attività di servizio con 3.932 addetti pari al 44,43% della forza lavoro occupata e 154 attività amministrative con 1.107 addetti pari al 12,51% della forza lavoro occupata.

Risultano occupati complessivamente 8.849 individui, pari al 28,96% del numero complessivo di abitanti del comune.

Rosignano Marittimo sorge in posizione elevata nella bassa valle del torrente Fine.

L'economia locale si basa prevalentemente sull'agricoltura e sull'attività di numerose industrie chimiche, meccaniche e per la produzione di materie plastiche. Rinomata è la sua stazione balneare, nota con il nome di Castiglioncello.

Il nome della località deriva dal nome di persona latino "Rasinius" o "Rusinius" al quale venne successivamente aggiunto il suffisso "-anus". Solo nel 1862 Rosignano assunse la specificazione "Marittimo" con il significato di "maremmano".

I primi insediamenti nella località di Rosignano Marittimo risalgono all'età romana, quando esso si trovò sottoposto alla giurisdizione della famiglia romana dei Rasinia.

Foto Wikipedia
Monte Pelato

Dopo la caduta dell'Impero Romano il territorio venne colonizzato dai Longobardi, come dimostrano alcuni documenti storici databili intorno al 762 D. C..

L'effettivo consolidamento del borgo di Rosignano Marittimo avvenne intorno al X secolo quando esso appartenne dapprima al Marchesato di Toscana e successivamente alla Repubblica di Pisa.

I Pisani si adoperarono in una massiccia opera di fortificazione del borgo che, posto in posizione strategica, necessitava di difendersi dai frequenti attacchi nemici.

Nel corso del XIII e del XIV secolo ebbe inizio la progressiva decadenza della Repubblica Pisana che conseguentemente interessò anche l'economia di Rosignano Marittimo.

Il borgo di Rosignano Marittimo subì a lungo le conseguenze delle accese rivalità tra le due potenti repubbliche di Pisa e Firenze che culminarono, a metà del XV secolo, in una guerra che si concluse con la caduta definitiva della Repubblica Pisana.

Da allora Rosignano Marittimo entrò a far parte dei possedimenti della Repubblica di Firenze che, con i Granduchi de' Medici, diede inizio a una significativa opera di ristrutturazione del borgo e delle sue fortificazioni, provvedendo anche alla costruzione di due grandi torrioni.

Ai Granduchi del casato mediceo si deve anche la costruzione di eleganti palazzi nobiliari che ancora oggi è possibile ammirare.

Alla fine del Settecento salirono al potere i Duchi di Lorena i quali avviarono le prime opere di bonifica del territorio, favorendo lo sviluppo economico e urbanistico della città.

Tuttavia la dominazione lorenese venne presto interrotta dall'invasione dell'esercito francese guidato da Napoleone Bonaparte che si risolse nel 1814 con l'annessione di Rosignano Marittimo al Granducato di Toscana.

Foto Wikipedia
Oratorio Santa Maria della Neve

Nel 1861 Rosignano Marittimo venne annessa al Regno d'Italia ad opera del Re Vittorio Emanuele II di Savoia.

Tra i monumenti di maggiore rilievo a Rosignano Marittimo citiamo qui la Chiesa dei Santi Giovanni e Ilario, la Torre del Faro di Vara, la Fattoria Arcivescovile, il Palazzo Vestrini, il Palazzo Marini e il Palazzo Bombardieri dove ha sede il "Civico Museo Archeologico".

Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Rosignano Marittimo segnaliamo qui la "Rotta del Vino" che si tiene dall'11 al 18 settembre. La manifestazione consiste di una gara velica con annessa una rassegna enogastronomica di prodotti e vini locali.